bagnoregio

BAGNOREGIO – A Bagnoregio sta per partire ‘Laboratorio Europa’. Un progetto, rivolto ai giovani di età compresa tra i 6 e i 18 anni, finalizzato a promuovere azioni di formazione non formale sui temi principali dell’Unione Europea.

Il Comune, in partenariato con l’associazione culturale Agorà e il Centro di Studio Bonaventura da Bagnoregio, è risultato vincitore di un bando – presentato all’interno del Programma per la concessione di contributi economici a sostegno di iniziative per la promozione delle politiche europee, della cittadinanza e dell’integrazione europea – con cui il Consiglio regionale del Lazio si propone di sostenere, attraverso l’erogazione di contributi, la realizzazione di iniziative atte a promuovere tra i giovani la consapevolezza della cittadinanza dell’Unione e i valori ad essa connessi, la conoscenza delle politiche europee e delle opportunità offerte dall’UE.

“Si tratta di un’importante occasione di formazione dei giovani del nostro territorio. E’ fondamentale conoscere il mondo che ci gira intorno, anche come orientamento delle nostre scelte di vita. Ed è bene conoscere l’Unione Europea, le sue regole e le sue ragioni storiche per comprendere al meglio la contemporaneità in cui siamo immersi”. Queste le parole del sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti.

Il Centro di Studio Bonaventura da Bagnoregio, attivo nell’ambito dell’associazione Agorà, sarà responsabile della fase formativa e della gestione delle attività con i ragazzi coinvolti. Il progetto vuole essere un percorso di scoperta della storia, dei valori, delle Istituzioni e dei programmi europei, con particolare attenzione ai diritti e doveri connessi alla cittadinanza e ai Trattati che hanno consentito, nel tempo, la costituzione e lo sviluppo dell’Unione Europea. Nell’affrontare le tematiche riguardanti l’Unione Europea il progetto vuole anche rendere più consapevoli e coscienti i ragazzi del contesto in cui vivono, favorendo l’integrazione, abbattendo gli stereotipi sociali e culturali, che spesso nascono e si diffondono nelle aule scolastiche tra coetanei.

Commenta con il tuo account Facebook