Ottimo riscontro di pubblico per la riapertura del Museo Archeologico Nazionale di Palestrina – Santuario della Fortuna Primigenia e il Palazzo Farnese a Caprarola

Dopo le anteprime di martedì 19 e mercoledì 20 maggio, necessarie ad eseguire un opportuno stress test, il Museo Archeologico Nazionale di Palestrina – Santuario della Fortuna Primigenia e il Palazzo Farnese a Caprarola sono tornati nel weekend ad accogliere i visitatori, dopo la lunga parentesi dovuta al lockdown.

I due siti hanno fatto da apripista alle riaperture dei musei nel territorio laziale, seguendo il criterio della massima prudenza, a tutela di quanti lavorano all’interno dei musei e del pubblico. In primo piano dunque le normative di sicurezza e i principi di sperimentazione, gradualità e sostenibilità indicati dal Comitato Tecnico Scientifico.

Che le riaperture fossero pienamente in linea con una richiesta espressa da gran parte della società civile è dimostrato dal gradimento con cui i visitatori hanno risposto all’iniziativa.

Al notevole flusso dei visitatori che si sono avvicendati nelle prime due giornate – più di 100 a Palestrina e oltre 200 a Caprarola – si sono aggiunte le molte le telefonate e richieste di informazioni da parte dei cittadini per le prossime aperture.

Concluso dunque con successo l’avvio sperimentale, l’appuntamento tornerà a rinnovarsi sabato e domenica prossimi, con gli stessi orari.