Dopo il successo di partecipazione della precedente edizione, l’Associazione Nazionale “Città delle Ciliegie” organizza il Concorso Nazionale Oleario Ramoscello d’Oro 2022che si svolgerà a Celleno (VT) il 20 marzo nel contesto medievale del Borgo Fantasma, sito storico-architettonico di grande richiamo turistico dell’Alta Tuscia.

Al momento sono già molti gli Enti che hanno già accordato il patrocinio alla qualificante manifestazione nazionale: oltre al Comune di Celleno (VT) ed all’Associazione Nazionale Direttori di Mercati all’Ingrosso (ANDMI);  il Comune di Casamassima (BA); il Comune di Chiusa Sclafani (PA); il Comune di Conversano (BA); il Comune di Maenza (LT); il Comune di Maser (TV); sono attese altre autorevoli adesioni di territori vocati all’olivicoltura.

Nel 2021, in piena crisi pandemica, si è vista comunque la partecipazione dei migliori territori rappresentativi dell’eccellenza olivicola nazionale: 12 Regioni partecipanti; 19 Provincie vocate; 24 Comuni di enorme qualità rurale; 50 piccoli produttori appassionati; 72 etichette di olio extravergine d’oliva tra i migliori della produzione europea.

Il Concorso Nazionale Oleario Ramoscello d’Oro 2022 è rivolto in particolare ai produttori agricoli che esprimono con il loro sapiente lavoro, la volontà di resilienza delle loro aziende; la ferma caparbietà di chi intende non arrendersi alle difficoltà di un Mondo sempre più globalizzato e omologato all’uniformità di prodotto; la consapevolezza di coltivare un qualcosa di unico e prezioso; l’orgoglio di non banalizzare ed anzi di promuovere con convinzione una apicale produzione qualitativa italiana, riconosciuta nel Mondo.

Al panel di esperti assaggiatori guidati dall’agronoma Barbara Bartolacci che ha magistralmente diretto la scorsa edizione, si aggiunge quest’anno una ulteriore giuria composta dall’Arch. Giovanni Luca Crispino; dall’Art Director Cristina Canestrelli e dal Presidente ANDMI Pietro Cernigliaro che avranno l’incarico di valutare il concept estetico e l’etica del marketing che le confezioni poste a concorso esprimono; il tutto riferito in particolare all’impatto ambientale del prodotto; alla comunicazione impressa nell’etichetta; al materiale impiegato nell’involucro; valori sempre più all’attenzione dei moderni e consapevoli consumatori.

Il Direttore dell’Associazione Nazionale “Città delle Ciliegie” Carlo Conticchio, coordinerà come di consueto la catalogazione dei campioni posti a concorso; l’anonimizzazione degli stessi al fine di una corretta valutazione; lo svolgimento dell’esame organolettico degli oli extravergini d’oliva; la premiazione finale dei produttori.

Ci sono certamente tutti i presupposti per un Concorso Nazionale Oleario della “Ripartenza”.

Articolo precedenteFondazione Carivit, terzo incontro del ciclo “Le emozioni nella letteratura, nella ricerca geografica e nell’arte”
Articolo successivoViterbo, domani nubi sparse al mattino e al pomeriggio con condizioni di tempo stabile