«Doveroso replicare – si legge in una nota di Forza Italia e Fratelli di Italia di Civita Castellana – alle dichiarazioni del Sindaco Angelelli in merito alla nostra proposta di chiusura dei locali scolastici all’ indomani della scoperta del caso di scabbia all’Istituto comprensivo XXV Aprile a Civita Castellana».

«La scabbia – prosegue la nota – è una malattia contagiosa e la persona che ha contratto la parassitosi deve restare qualche giorno in isolamento per evitare di trasmettere l’acaro Sarcoptesscabiei ad altri.

Il trattamento contro la scabbia deve essere effettuato contemporaneamente anche dalle persone a stretto contatto con l’ammalato.

La scabbia è una malattia molto diffusiva, contagiosa, non pericolosa ma molto fastidiosa per il prurito e le lesioni dermatologiche che sviluppa. Anche la Usl e’ appunto intervenuta in merito alla questione in accordo con il direttore scolastico per tranquillizzare le famiglie.

Noi riteniamo di avere il diritto anzi il dovere di intervenire e di dire democraticamente la nostra opinione: opportuno valutare la chiusura della scuola per qualche giorno, necessario a bonificare gli ambienti per la potenziale diffusione nella nostra comunita’ della malattia.

Tuttavia va precisato che nessuno ha discriminato il bambino affetto da scabbia né tantomeno ha sollevato questioni razziali perche la malattia non distingue né razza né sesso anche se oggettivamente va detto, senza falsi moralismi, che è una malattia come la TBC ritornata alla ribalta solo negli ultimi anni ….

Non sta a noi fare la caccia alle streghe ma attenerci a considerazioni oggettive e i fatti parlano chiaro.

Non ci aspettiamo che il Sindaco si rimangi le sue velenose affermazioni mosse nei nostri confronti di facinorosi che vogliono fomentare addirittura l’odio razziale (per le quali l’opinione pubblica , ormai abituata , lo ha squalificato in questi anni), ma proviamo compassione per chi continua a vomitare veleno per nascondere le proprie incapacità amministrative .

Siamo noi che vogliamo sdegnarci per le dichiarazioni assai gravi di Angelelli: non solo mistifica la libertà di opinione fomentando puerilmente l’odio sociale contro di noi che vorremmo tutelare la salute collettiva, ma anche ha dimostrato di non essere all’altezza del suo ruolo, infatti avrebbe dovuto in via precauzionale, secondo noi , far chiudere lui la scuola».

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email