VITERBO – Nel corso dell’incessante attività di repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli uomini della Polizia di Stato della Sezione Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Viterbo, a seguito di mirato servizio di appostamento integrato da attività info-investigative di supporto, traeva in arresto un ventenne incensurato viterbese che risultava punto nodale di un ramificato spaccio di sostanze stupefacenti destinate al mercato del capoluogo e parte della provincia.

Avuta percezione del momento più appropriato, la Squadra Mobile interveniva presso l’abitazione del giovane, dando esecuzione ad una minuziosa perquisizione all’esito della quale venivano rinvenuti involucri in cellophane, contrassegnati da lettere dell’alfabeto in successione, contenenti diversi quantitativi di marijuana per un peso complessivo di oltre mezzo chilogrammo, un involucro da un grammo di cocaina, un bilancino di precisione idoneo al frazionamento in dosi.

Nel corso dell’operazione venivano altresì rinvenute le buste ove custodire il denaro ottenuto dalle singole cessioni, appunti riportanti nel dettaglio la contabilità riferita al guadagno ottenuto dallo spaccio di stupefacente e le eventuali posizioni debitorie.

Il tutto veniva sottoposto a sequestro mentre il giovane veniva tratto in arresto per il reato di detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti.

Sono in corso attività di approfondimento in relazione all’identificazione degli acquirenti e relative eventuali responsabilità penali.

Il GIP presso il Tribunale di Viterbo ha convalidato l’arresto e disposto gli arresti domiciliari del giovane sino all’udienza che si terrà il prossimo 16.2.2018.

Commenta con il tuo account Facebook