VITERBO – Siamo ormai in prossimità del rinnovo del Consiglio comunale di Viterbo. E in molti dicono meno male perché hanno fatto più danni loro in cinque anni che dieci passate amministrazioni. Oggi ai lettori di ONTUSCIA vogliamo raccontarne un’altra che nessuno ha pubblicato, ma che dà la dimensione della pochezza di chi ha svolto compiti in questa Giunta che sarà ricordata negli annali.

Una bella mattina ad un condominio di Via Santa Lucia viene consegnato un verbale da parte della Polizia Locale con la conseguenza di dover pagare una multa di 850 euro per la seguente motivazione. “Il Condominio ha violato il seguente articolo del regolamento comuale 21/1/comma 4 “il trasgressore sulla strada eseguiva lavori in corrispondenza dell’uscita del garage non autorizzati (come riferito nella nota settore VI Comune VT prot 66684 del 14/9/017). Il trasgressore ecce cc Verbale redatto al termine degli accertamenti e delle indagini conclusive dell’Ufficio Edilizia”.

Sin qui la parte burocratica, ora vi raccontiamo il resto. La strada in Via Santa Lucia per un motivo o per un altro in prossimità del condominio si è abbassata di livello (le foto sono esplicative) e i condomini (alcuni) che nell’uscire hanno rotto la coppa dell’olio hanno deciso di sistemare a proprie spese il livellamento.

Che il manto stradale avesse ceduto lo dimostra la foto dove in prossimità di un tombino il comune aveva effettuato un livellamento per evitare danni e risarcimenti. Orbene sembra che una segnalazione, a quanto sembra anonima (a chi non si sa) abbia mandato su tutte le furie l’Assessore al Ramo. Assessore che ha provveduto a mandare sul posto la Polizia Locale che ha elevato il verbale e sanzionato il condominio.

Ma non si capisce perché l’amministrazione comunale abbia sistemato un tombino in mezzo alla strada e non abbia nel contempo livellato sistemato anche la strada nei pressi dell’uscita del garage. Misteri della fede. Traete voi le deduzioni del caso e dite in cuor vostro se questi 5 anni di amministrazione non siano stati i più deleteri della storia di Viterbo.
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email