21 persone denunciate in stato di libertà ,4.855 persone identificate, 484 pattuglie impiegate in stazione, 122 a bordo treno; 333 treni scortati e 11 contravvenzioni amministrative elevate, di cui 7 in violazione al regolamento di Polizia Ferroviaria.

Questo è il bilancio dell’attività della Polizia Ferroviaria del Compartimento per il Lazio nel corso della settimana scorsa, dei controlli nel “territorio ferroviario” in ambito regionale.

Nella giornata del 27 gennaio una donna italiana di sessantasette anni è stata rintracciata dagli Agenti del Settore Operativo della Polizia Ferroviaria di Roma Termini, a seguito di una duplice segnalazione.

La prima arrivata alla Sala Operativa della Questura di Roma per la nota di ricerca di una persona con problemi relazionali, e la seconda al personale di Protezione Aziendale RFI circa la presenza di una viaggiatrice in stato confusionale all’interno dello scalo ferroviario di Roma Termini.

I poliziotti intervenuti, hanno individuato la donna in difficoltà che alle loro richieste non è riuscita a dare indicazioni sulla propria identità.

Un’immediata indagine ha consentito di risalire al nome della donna ed al numero di telefono del marito, che una volta contattato e rassicurato delle condizioni della coniuge, è arrivato in stazione e si è ricongiunto con la moglie.

Nella giornata del 1 febbraio un cittadino italiano è stato denunciato in stato di libertà per tentato furto aggravato dagli Agenti della Sottosezione di Polizia Ferroviaria di Roma Tiburtina.

Nello specifico, un agente della Polizia Ferroviaria ha notato un uomo nell’intento di forzare la macchinetta distributrice automatica, ubicata sul binario cinque della Stazione Ferroviaria, allo scopo di trafugarne l’incasso.

Immediatamente intervenuta la pattuglia, l’azione delittuosa posta in essere dall’individuo è stata interrotta affinché questi non potesse portarla a compito.

La persona, che ha declinato le proprie generalità e già conosciuta agli operanti per il medesimo tipo di reato, è stato deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria

Nella giornata del 30 gennaio è stato denunciato in stato di libertà una nomade minorenne per furto aggravato di un portafogli ai danni di una viaggiatrice avvenuto nella stazione di Roma Trastevere.

Nel particolare il personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio durante il servizio di repressione reati predatori, hanno notato la giovane nomade conosciuta ai poliziotti come abile borseggiatrice seguire una viaggiatrice con indosso uno zaino. Di li a poco approfittando della distrazione della viaggiatrice intenda a telefonare la nomade con mossa fulminea è riuscita a impossessarsi del portafogli aprendo lo zainetto della vittima. Gli agenti avendo assistito alla scena sono intervenuti restituendo il maltolto e denunciando la minore.

Dopo una laboriosa indagine anche grazie al sistema di videosorveglianza il personale della Sottosezione Polizia Ferroviaria  di Civitavecchia, ha denunciare in stato di libertà una  quarantenne cittadina croata ed una trentaquattrenne cittadina  rumena per furto aggravato di un portafogli avvenuto su un treno regionale fermo alla stazione ferroviari di Trastevere