polizia cellulare

TARQUINIA – Personale della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Tarquinia, diretti dal dr. Zampaglione, a seguito di una laboriosa attività di indagine hanno deferito all’Autorità Giudiziaria un giovane diciannovenne responsabile di lesioni in danno di un minore degli anni 18.

Dal pronto soccorso dell’Ospedale Belcolle di Viterbo si apprendeva che un minorenne la notte del 10 agosto u.s. aveva riportato la frattura delle ossa nasali a seguito di un’aggressione avvenuta nella notte a Tarquinia Lido. Immediatamente veniva avviata l’attività info-investigativa finalizzata a chiarire come si erano svolti i fatti e ad individuare l’autore dell’aggressione. Venivano pertanto raccolte utili testimonianze, sia da persone presenti ai fatti che dalla vittima stessa e si giungeva alla corretta ricostruzione della vicenda e alla identificazione dell’aggressore. Si acclarava che la discussione tra il diciannovenne ed il minore era scaturita da motivi di carattere sentimentale, legati all’interesse che entrambi nutrivano per la medesima ragazza.

Durante la discussione il maggiorenne sferrava due pugni al volto al minore procurandogli lesioni giudicate guaribili in giorni 30. I due giovani, uno di Vetralla e l’altro di Vitorchiano, si trovavano a Tarquinia in vacanza e si incontravano in uno dei locali del Lido conosciuto negli ambienti della “movida” tarquiniese. L’aggressore a seguito della vicenda esposta veniva denunciato in stato di libertà ed è in corso di valutazione l’applicazione nei suoi confronti di ulteriori provvedimenti da parte del Questore di Viterbo.

Proseguono i servizi di controllo del territorio da parte del Commissariato di Tarquinia volti a contrastare ogni illegalità sul litorale viterbese, che saranno attuati periodicamente e rafforzati anche con l’impiego dei reparti speciali della Polizia di Stato.

Commenta con il tuo account Facebook