VITERBO – Intercettato in città, un soggetto agli arresti domiciliari ingiuria i poliziotti e viene tratto in arresto.

Il fatto si è verificato nei giorni scorsi, quanto gli uomini della Polizia di Stato della Squadra Volante della Questura di Viterbo, nel corso del servizio di controllo del territorio, notavano un uomo che alla loro vista si copriva repentinamente con il cappuccio della felpa.

Insospettiti dall’atteggiamento, i poliziotti si avvicinavano al soggetto che immediatamente cominciava ad inveire contro di loro. Ricorrendone i presupposti l’uomo, un cittadino italiano di anni 53, veniva condotto in Questura per i necessari controlli attraverso le banche dati disponibili, ove emergeva che lo stesso era sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso un’abitazione sita nel comune di Roma, senza alcun permesso per lasciare quel domicilio.

All’interno della Questura, il cinquantatreenne, dopo essersi scagliato per più di una volta contro gli operatori anche colpendoli, veniva ricondotto alla calma e tratto in arresto per evasione, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Proseguirà la pianificazione dei servizi di vigilanza da parte dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico che saranno ulteriormente rafforzati in occasione delle prossime giornate in modo sempre più incisivo e diffuso, così da garantire in ambito cittadino, nell’arco delle 24 ore, un continuo e capillare controllo del territorio.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email