VITERBO – In considerazione del clima mite e delle lunghe giornate primaverili, questo è il periodo dell’anno in cui vi è il “picco” di gite scolastiche, turistiche e di svago. Di conseguenza aumenta il numero di autobus granturismo che percorrono le strade della nostra provincia, soprattutto la SS1 Aurelia, la Cassia e l’Autostrada del Sole.

 

A tal proposito gli Agenti della Polizia di Stato della Sezione Polizia Stradale di Viterbo hanno intensificato i controlli e le verifiche, in modo particolare nei confronti dei veicoli adibiti al trasporto collettivo di persone. Si tratta, infatti, di mezzi che possono accogliere fino a 55 persone, che percorrono, in genere, tratte medio-lunghe e che necessitano di continua opera di manutenzione e controllo, sia tecnico che funzionale.
Inoltre, moltissimi mezzi analoghi, in tutti i comuni della Tuscia, svolgono giornalmente il servizio scolastico, trasportando alla mattina gli studenti a scuola, per poi riaccompagnarli verso le rispettive abitazioni al termine delle lezioni. La sicurezza dei giovani è da sempre un obiettivo primario della Polizia Stradale: pertanto, nel novero dei suddetti controlli, trovano un posto di rilievo quelli effettuati nei confronti dei cosiddetti “scuolabus”.

 

Infatti, proprio nella giornata odierna, personale specialistico appartenente al Distaccamento Polizia Stradale di Tarquinia ha posto in essere un’accurata verifica sia dello stato d’uso, sia delle certificazioni di legge richieste, relativamente a due autobus del Comune di Tarquinia che svolgono servizio di “scuolabus”. E le sorprese non sono mancate.

 

Anche se in entrambi i mezzi le dotazioni di bordo erano presenti e gli spazi disponibili per i passeggeri, definiti dalle norme “CUNA”, risultavano regolari, il conducente del primo veicolo è stato sanzionato ai sensi dell’art. 180/1° e 7° comma CdS per non avere al seguito la carta circolazione, il contratto di noleggio e la licenza NCC mentre all’autista del secondo autobus, venivano contestate le sanzioni di cui all’art. 79/4° CdS relative ai pneumatici gemellari posteriori, in entrambi i lati, usurati oltre i limiti di legge e quelle di cui agli artt.180 e181 CdS, per non avere al seguito il certificato e contrassegno assicurativo, la carta di circolazione e il contratto di noleggio e licenza NCC. Ovviamente, i controlli amministrativi proseguiranno una volta esibiti da parte dei conducenti, nei termini di legge, i documenti non presenti.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email