MONTEFIASCONE – Aggirandoci per le vie del paese, porgendo una certa attenzione a quanto s’incontra all’esterno dei negozi che si trovano lungo di esse, varie sono le considerazioni che saltano alla mente, sollecitate dai disguidi che richiamano lo sguardo dei passanti.
Il negozio di ferramenta, uno dei più grandi della città, è uno di quelli che subisce qualche tipo di disguido; davanti ad una delle vetrine, infatti, vi sono dei recipienti idonei e dati in comodato d’uso dalla società che effettua la raccolta, porta a porta, dei rifiuti solidi urbani nella città di Montefiascone, per la raccolta di vari tipi di rifiuti solidi urbani; uno per la carta e cartone, uno per le vecchie lampade fluorescenti ed uno per le batterie piccole che si usano nelle molteplici apparecchiature domestiche e similari.

Fin qui nulla di strano, anzi, un buon servizio alla cittadinanza; il problema, abbastanza grave nel suo essere, sorge nel momento che si va a costatare che il contenitore per le pile è stracolmo e non viene svuotato regolarmente. La sua attuale situazione è veramente precaria, in quanto è pieno oltre ogni limite; il suo coperchio non si chiude come dovrebbe, e le pile cadono per ogni dove, sul marciapiedi prima e rotolando poi, lungo la via con tutte le conseguenze che sono di facile intendimento.

Il proprietario del negozio dice di aver più volte sollecitato lo svuotamento del contenitore, ma, a tutt’oggi, ogni sollecitazione è caduta nel nulla. Una grossa carenza da parte della società che gestisce questo servizio, il quale, da essere un buon servizio si trasforma in negativo, senza misconoscere le conseguenze che ne conseguono sotto il profilo dell’impatto ambientale.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email