VITERBO – Gli uomini della Polizia di Stato della Squadra Mobile, Sez. Reati contro la Persona, della Questura di Viterbo, hanno tratto in arresto nei giorni scorsi un uomo residente in un comune della provincia. Poiché ha più volte violato il provvedimento di divieto di avvicinamento alla parte offesa.
Tale divieto era il frutto di una relazione affettiva finita in maniera tormentata per la vittima, una donna viterbese.

Quest’ultima terrorizzata dalla condotta dell’uomo, che non voleva rassegnarsi alla fine del loro rapporto, si era in precedenza presentata negli Uffici della Squadra Mobile di Viterbo per denunciare gli insulti e le minacce. Nonché i veri e propri pedinamenti da parte del suo ex.

Gli investigatori, che hanno continuato a seguire la vicenda dopo aver appurato che l’uomo ha più volte ignorato il divieto disposto, hanno informato l’A.G. competente. Ed è così scattato un aggravamento della misura cautelare.

Infatti, il Tribunale di Viterbo, in considerazione delle continue trasgressioni al divieto, ha disposto, nei riguardi dell’uomo, la sostituzione del divieto di avvicinamento con la misura degli arresti domiciliari. Che son stati prontamente eseguiti dal Personale della Squadra Mobile.
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email