TARQUINIA – Ancora un importante risultato ottenuto dagli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Tarquinia che hanno scoperto una truffa architettata in modo esemplare. L’episodio si è verificato nei giorni scorsi, quando il Commissariato di Tarquinia, diretto dal Vice Questore Aggiunto Dr Fabio Zampaglione, riceveva una denuncia da parte di alcune persone che dopo aver consegnato alcuni attrezzi agricoli avevano ricevuto dall’acquirente un assegno poi risultato falso.

La merce era stata proposta in vendita on-line, attraverso un sito specializzato con i venditori contattati telefonicamente da un interlocutore che, interessato alle macchine agricole, fissava un appuntamento a Tarquinia per il ritiro delle stesse. Il giorno stabilito gli ignari venditori consegnavano all’uomo la merce, ricevendo l’assegno poi risultato falso. A questo punto si rivolgevano al Commissariato per denunciare il fatto.

I poliziotti, attraverso specifiche e laboriose indagini effettuate con metodi tradizionali e telematici, che si sono protratte per diversi giorni, riuscivano ad identificare il truffatore.

L’uomo, un pugliese di 64 anni è stato quindi rintracciato con la collaborazione della Questura di Foggia e denunciato per truffa.

Continueranno scrupolosi ed incessanti i servizi della Polizia di Stato volti a stroncare ogni tipo di reato sul litorale viterbese.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email