VITERBO – Si è tenuto stamani, presso la Sala Coronas della Prefettura, un convegno dal titolo “La prevenzione della corruzione: dalla norma alla gestione manageriale” Il prof. Luciano Hinna docente dell’Università di Roma “Tor Vergata” e già componente CIVIT, ha illustrato tutti gli strumenti che la normativa vigente mette a disposizione per prevenire, contenere e contrastare il rischio di corruzione.

 

Il Prefetto di Viterbo, Antonella Scolamiero, ha aperto i lavori analizzando i dati pubblicati in data odierna dall’Ocse, che vede l’Italia come il paese con la più alta percentuale di corruzione percepita. “E’ fondamentale” ha sottolineato “porre una maggiore attenzione alla fase di prevenzione, promuovendo l’integrità come modello di riferimento, nel quale gli strumenti sanzionatori si configurano solamente come alcuni dei fattori per la lotta alla corruzione e all’illegalità nell’azione amministrativa. Un male della nostra società che mina la credibilità dell’intero paese, disincentivandogli investimenti e con inevitabili danni allo sviluppo economico”.

 

Oltre alla presenza di molti sindaci e segretari comunali, hanno partecipato all’incontro i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, della Camera di Commercio e le associazioni economiche di categoria più rappresentative del territorio.

 

È stata ribadita la necessità, da parte degli operatori del sistema, di sviluppare quella consapevolezza che il fenomeno va affrontato, non solo per un obbligo normativo, ma perché convinti che è giusto e indispensabile diffondere una cultura di legalità quale unica arma vincente per far crescere il nostro Paese. Un vivace dibattito ha animato l’intera giornata con molti spunti di riflessione che confermano quanto centrale ed attuale sia il problema.

Commenta con il tuo account Facebook