ACQUAPENDENTE – Sabato mattina di lutto e costernazione per la Parrocchia del Santo Sepolcro ed i fedeli: è deceduto all’età di novanta anni il sacerdote Don Giovanni Mai. Incaricato dalla Diocesi di Viterbo di “curare le anime” della piccola Frazione di Trevinano ha, tra i principali magistrali risultati raggiunti, quello di radicare splendidamente la Fede dei propri parrocchiani alla tradizione del loro territorio. Immedesimata nel culto verso la Vergine Maria “Madonna della Quercia”, nello splendido Santuario e Lei dedicato, e nella tradizione celebrazione religiosa primaverile. Molti i progetti da Lui avviati per la crescita armonica della Comunità.

 

A cui hanno attinto a piè mani le Associazioni locali per sviluppare programmi in grado di sviluppare tanto la crescita turistica quanto sostegno ed aiuti concreti a persone in difficoltà. Entusiasmante il percorso del suo Ministerno negli ultimi anni di vita. Seppur menomato da una malattia che gli impediva di utilizzare normalmente gli arti inferiori, ha supportato il normale lavoro della Parrocchia del Santo Sepolcro. Celebrando Messe sia nella chiesa della Frazione quanto nelle chiese aquesiane e presso la Casa di Riposo San Giuseppe. La sua venerazione verso la Santissima Vergine lo accompagnò in un percorso per lui indimenticabile verso lo stupendo Santuario di Medjugorie. Lunedì 30 alle ore 16.30 presso la Chiesa Parrocchiale di Trevinano lo accompagneranno nel suo “ultimo viaggio in terra” il Parroco Don Enrico Castauro, Don Vincenzo e Don Emanuele. Ed i numerosisissimi fedeli che hanno vissuto assieme a questo “piccolo gigante della Misericordia Cristiana”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email