125° APERTURA FERROVIA ROMA CAPRANICASUTRI  VITERBO  E TRATTA CAPRANICASUTRI RONCIGLIONE DELLA FERROVIA DEI DUE MARI IN COLLABORAZIONE CON L’ASSOCIAZIONE MOBILITA’ DOLCE A.MO.DO, NELL’AMBITO DELLA MANIFESTAZIONE “PRIMAVERA MOBILITA’ DOLCE 2019”

 

Lo sviluppo economico e sociale nel territori, con particolare attenzione alla tutela dell’ambiente, in cui ci troviamo collocati è l’obbiettivo principale per il quale ognuno di noi donne, uomini, giovani e adulti dovrebbe impegnarsi nel tentativo di migliorare la qualità della vita.
Perseguire questi intenti non può prescindere dalla creazione e mantenimento di rapporti umani, dal coinvolgimento di persone attraverso riunioni anche lunghissime ed estenuanti, perché magari ripetute più volte nel tempo e da alcuni derise o declassate a non considerabili.
Il Comitato è ora formato da moltissimi cittadini del territorio attraversato dalla Ferrovia dei Due mari. Questi ci chiedono di continuare la lotta. Come dirigenti del comitato allora, non possiamo esimerci dal continuare a promuovere incontri e riunioni, non solo perché convinti della bontà delle proposte e che queste come la goccia d’acqua che riesce a scavare la roccia (Gutta Cavat Lapidem), alla fine verranno fatte proprie dal potere decisionale, ma anche e soprattutto perché questa è la vera promozione della partecipazione alle scelte ed è questa l’essenza della democrazia.
Il Comitato ha compreso, con il passare del tempo e le battaglie perse, la necessità di cambiare e abbandonare la fase della contrapposizione verbale e procedurale. Abbiamo scelto la via più lunga e difficile che è quella di costruire alleanze, per questo siamo diventati in tanti ad aver compreso l’importanza del ritorno alla modalità del trasporto ferroviario.
Le nostre iniziative, pertanto, sono finalizzate alla realizzazione di una alleanza tra cittadini e politica, a cui spetta la decisione da prendere e che può far accettare al potere economico, che troppo spesso frappone ostacoli, dato che tiene conto soltanto dei vantaggi economici, investendo soltanto dove è certo di concretizzarli.
La politica però è un’altra cosa, non deve lasciarsi governare dal potere economico e/o ricercare i consensi immediati. La vera politica a nostro parere deve avere una visione complessiva, deve impegnarsi per la programmazione del territorio, per il suo riequilibrio attraverso lo sviluppo sostenibile.
Il Comitato, non essendo schierato partiticamente, vorrebbe essere di aiuto alla politica .
Guardando il territorio viterbese e del Centro Italia, attraversato dalla Ferrovia dei Due Mari, è innegabile la necessità di approvare politiche per il suo riassetto e si sta facendo strada la comprensione di quello che per noi è da tempo un assunto.

Ed ecco allora le iniziative che il comitato sta ponendo in essere.
1-Molte riunioni con i Sindaci del territorio stanno facendo scaturire un progetto strategico di sviluppo, che verrà presentato a breve.
2-L’ occasione del 125° anniversario della apertura della Ferrovia Roma CapranicaSutri Viterbo e della tratta CapranicaSutri Ronciglione, ci consente di tenere alta l’attenzione sull’importanza della riapertura della tratta Civitavecchia CapranicaSutri Orte della Ferrovia dei “DUE MARI” Tirreno e Adriatico, che come noto è stata inserita nell’elenco allegato alla legge 128/2017 per le Ferrovie turistiche,approvata all’unanimità dal Parlamento. Segno del riconoscimento della valenza che questa ha per lo sviluppo dell’economia turistica in un territorio ricco di siti culturali e ambientali.
Lo facciamo con varie azioni, ricercando il massimo coinvolgimento dei cittadini e delle istituzioni.
Questo il programma:
27 aprile 2019 Camminata sui sentieri che affiancano la ferrovia dalla stazione di Civitella Cesi alla Città etrusca di Luni e il Ponte sul Mignone.
29 aprile 2019 Convegno “LA MOBILITA’ FERROVIARIA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E IL RIEQUILIBRIO DEL TERRITORIO DI TUTTO IL CENTRO ITALIA – La tratta Civitavecchia CapranicaSutri Orte della Ferrovia dei DUE MARI”.
30 aprile 2019 Pranzo sociale.

Commenta con il tuo account Facebook