Un importante riconoscimento per il lavoro profuso durante lemergenza covid a sostegno delle aziende agricole italiane e delle fasce più deboli della società. Una forza sociale che ha saputo leggere da subito le criticità a cui stavamo andando incontro ed ha saputo interpretare al meglio uno dei periodi più bui della nostra storia, partendo dagli effetti per poi portare soluzioni”. Queste le motivazioni del riconoscimento da parte del Muvis, il Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari più grande d’Europa, al presidente di Coldiretti Viterbo, Mauro Pacifici. A consegnargli la targa, alla presenza del Sottosegretario alle Politiche Agricole e Forestali,  Senatore Francesco Battistoni, è stato il presidente del Muvis, Stefano Signori.

All’evento, che si è svolto a Castiglione in Teverina ed è stato patrocinato da Confartigianato Viterbo, hanno preso parte anche le istituzioni e le associazioni di categoria, ma anche la giornalista, Cristina Gimignani, che ha ideato e condotto il format “La politica da bere”, in collaborazione con il Muvis.

Mauro Pacifici ha ricevuto la Leoniana, una targa titolata al Giubileo di Papa Francesco, raffigurante la Porta Santa, per la sua appartenenza a valori Umanistici e di cultura vicino alla famiglia con interesse ai territori con le campagne di valorizzazione dei prodotti tipici e di grande interesse per la promozione del gusto e dell’enogastronomia.

Ha da subito acceso i riflettori sui possibili tentativi di speculazione – si legge nelle motivazioni del riconoscimento a Pacifici Contemporaneamente ha lanciato la campagna #MangiaItaliano a sostegno del settore primario. Campagna che ha ottenuto un grandissimo successo nella provincia di Viterbo, con tutti i 60 comuni che hanno aderito allappello di Coldiretti di sostenere le aziende ed i prodotti italiani. Settore strategico, fondamentale per far ripartire tutti gli altri settori economici. Ma ancor prima, ha saputo leggere il bisogno di sostenere le famiglie e le persone meno fortunate. La campagna della #SpesaSospesa, per sostenere le fasce più povere della società con cospicue donazioni di cibo, è uno degli esempi delle azioni di solidarietà promosse da Coldiretti. Dimostrazione di unorganizzazione attenta al bisogno di comunità. Valori che incarnano al meglio lo spirito cattolico e cristiano.” 

Un riconoscimento prestigioso.Questa targa, che rappresenta la Porta Santa aperta da Papa Francesco, forgiata e realizzata appositamente da un artigiano allinterno dei musei vaticani per questoccasione, vuole essere un riconoscimento della Santa Sede a quei valori che tutti noi ogni giorno dovremmo ricordare”, così Stefano Signori, presidente del MUVIS nella consegna del premio La Leoniana a Mauro Pacifici, presidente Coldiretti Viterbo, presente insieme al direttore, Elvino Pasquali. Un premio che mi riempie di gioia a livello personale – commenta Pacifici – ma i risultati che si ottengono in Coldiretti non scaturisco mai da un lavoro di una sola persona ma sono frutto di un grande lavoro di squadra, a partire dalla nostra dirigenza nazionale, regionale e provinciale, passando per i nostri dirigenti delle sezioni che insieme ad i nostri dipendenti hanno saputo intercettare i problemi ed i bisogni dei soci, ma soprattutto delle persone, ed hanno trasferito le soluzioni man mano che arrivavano ai nostri territori”.