Non è una novità che le principali aziende di moda per uomini e donne siano sempre alla ricerca di designer capaci di realizzare stili sempre diversi e particolareggiati, offrendo linee di abbigliamento personalizzate.

Per esempio, il Gruppo Calzedonia, da qualche anno ha dato vita al progetto “Intimissimi Vision to Come”, con l’obiettivo di incentivare e promuovere i talenti nascenti del campo della realizzazione di biancheria intima.

Ma per arrivare a questi livelli e assicurarsi una carriera di un certo calibro, non è detto che dobbiate per forza vantare una grande conoscenza, perché apprendere l’arte del disegno può essere davvero alla portata di tutti.

Tutto il necessario per riuscirci ve lo spiegheremo nei paragrafi seguenti, ma sappiate che bisognerà avere tanta pazienza e, anche quando sembra di non avere tempo, servirà anche capire quali sono le priorità: andare al mare oppure migliorare con la matita alla mano?

Procurarsi gli strumenti giusti

Qualunque sia il motivo che vi spinge a prendere carta e colori in mano, per poter partire in quarta, bisogna disporre di strumenti di buona qualità e funzionali per l’obiettivo che si ha in mente.

Immaginate se Picasso avesse avuto materiali scadenti: oggi, forse, non lo conoscerebbe nessuno, perché non sarebbe nemmeno riuscito a dare vita alla sua arte. Allora, per prima cosa, ecco un tavolo da disegno che può fare al caso vostro per iniziare a diventare bravi, dimostrando prima a voi stessi le abilità e la determinazione di cui disponete.

Procuratevi anche un blocco di fogli di carta o una tela bianca, e una confezione di matite di buona qualità o dei colori a olio: entrambi saranno i vostri compagni di avventura più fedeli, praticamente il vostro quaderno di esercizi da cui non potrete separarvi.

 Il mindset

Un elemento che viene spesso trascurato è il modo con cui ci si pone verso il proprio obiettivo: quando si decide di imparare qualcosa di nuovo, l’atteggiamento giusto può fare la differenza nella riuscita dell’impresa.

Non serve leggere centinaia di libri che vi spiegano come e quanto provare a disegnare se prima non si è coscienti che, innanzitutto, la perfezione non esiste, e che il miglior modo per raggiungere un risultato soddisfacente è di provare in primis per se stessi.

Il fuoco che spinge a tentare e ad apprendere come disegnare non va alimentato con la speranza che qualcuno apprezzi per forza il vostro operato, come una lode data dalla maestra alle scuole elementari.

Bisogna sempre essere aperti alle critiche e capaci ad accoglierle in modo da migliorarsi, raggiungendo l’unico obiettivo prefissato, che sia diventare bravi in quest’arte a tempo perso oppure ottenere un vero lavoro retribuito.

Accrescere le abilità manuali

Avete mai sentito parlare dell’effetto Dunning-Kruger? Si tratta di quel meccanismo inconscio che ci fa sottovalutare un’azione o un’attività, pensando che sia semplice da compiere…ma chiaramente non lo è.

Sapere di non conoscere significa già tanto, perciò non preoccupatevi se all’inizio può sembrare parecchio duro realizzare un personaggio in stile manga, apparentemente facile da disegnare.

Per sorpassare questo primo ostacolo, partite producendo qualsiasi cosa vogliate, anche solo una linea, così da prendere dimestichezza con gli strumenti, facendo un esercizio fisico che vi permette di conoscervi meglio.

Pian piano potrete notare una crescita dell’abilità manuale, perciò sarà il momento di passare alla fase successiva: rendervi più precisi e sicuri di ciò che fate. Provate copiando figure semplici da realizzare tramite dei riferimenti: cerchi, triangoli e quadrati andranno più che bene, almeno fino a quando non sarà il momento di disegnare la testa di un leone.

In questo caso sarete già a un livello avanzato.

Il segreto è la pratica

Vogliamo darvi gli ultimi consigli utili per poter apprendere il più velocemente possibile a disegnare, utilizzando al massimo gli strumenti acquistati e dando inizio a una possibile carriera.

Dato che la pratica è un fattore fondamentale per ogni tipo di arte, anche in questo caso è bene, almeno una volta al giorno, organizzare brevi sessioni di esercitazioni da 10/15 minuti.

Trovate una posizione rilassante, così da evitare che la mano principale si stanchi velocemente o infonda troppa forza sul foglio.

In più, soprattutto all’inizio, evitate di utilizzare album particolareggiati o speciali praticamente inutili: potete disegnare anche su un angolino di un foglio bianco estratto da una risma di carta.

Infine, per dare un quid in più, date il via alla playlist della vostra musica preferita, così da concentrarvi su ciò che fate, trasformando i movimenti e rendendoli più fluidi.