VITERBO – Unindustria ha “sempre ritenuto che il Lazio può ripartire con la valorizzazione delle eccellenze, per troppi anni abbandonate. Si può fare questo percorrendo due strade: manifattura innovativa e nuove possibilità di sviluppo legate ai giovani, all’energia e alle telecomunicazioni, per fare alcuni esempi”. Lo ha detto il presidente di Unindustria Maurizio Stirpe parlando al convegno organizzato all’interno dell’Autorità portuale di Civitavecchia, dal titolo “Economia del mare: un nuovo progetto di sviluppo del Lazio”.

 

Proprio l’economia del mare “è uno degli ambiti in cui abbiamo deciso di muoverci. Per troppi anni abbiamo vissuto con 5 compartimenti stagni, rappresentati dalle 5 province. La nuova frontiera- ha spiegato Stirpe – sarà un grande unico territorio valorizzato secondo le competenze e le caratteristiche di ciascuna area”. Il presidente di Unindustria ricorda che nel settore “scontiamo un certo ritardo legato alle infrastrutture”. Su Civitavecchia, invece, è stato fatto un lavoro “importantissimo e pensiamo che la rinascita del manifatturiero non sia possibile senza uno sbocco su Civitavecchia”. Il porto, conclude Stirpe, “ha intrapreso la strada giusta, il miliardo di euro di investimenti non è una cifra da tutti i giorni”.

 

“L’economia del mare, la manifattura e il turismo sono tre driver importantissimi per il rilancio di tutto il tessuto economico e sociale laziale. Oltretutto si tratta di un settore interconnesso con l’attività industriale, e proprio questo abbiamo voluto mettere in evidenza”. Proprio nell’area del porto laziale è previsto un investimento di “circa un miliardo di euro che riguarda il potenziamento della parte infrastrutturale. A questo- ha aggiunto Stirpe- dobbiamo aggiungere il completamento della dorsale tirrenica, del collegamento veloce tra Civitavecchia e Fiumicino e poi la Roma-Latina. Senza dimenticare il previsto raddoppio dell’aeroporto di Fiumicino. Qui- ha concluso il presidente di Unindustria- si giocherà buona parte dei destini della nostra regione”.

 

“L’incontro di oggi è solo il primo frutto che raccogliamo dopo l’apertura della sede di Unindustria a Civitavecchia. Si tratta di un risultato molto importante, che dimostra ancora di più come la scelta di un’unica Associazione regionale sia stata lungimirante, su tutti i settori. Da sempre consideriamo l’economia del mare strategica per lo sviluppo e, anche grazie alla nascita di Unindustria, possiamo davvero mettere in campo proposte, idee e competenze”.Lo ha detto il presidente di Unindustria Viterbo Domenico Merlani a margine del convegno organizzato all’interno dell’Autorità portuale di Civitavecchia, dal titolo “Economia del mare: un nuovo progetto di sviluppo del Lazio”.

 

“Siamo in una zona a forte crescita economica, dalla quale partiranno molte opportunità per la regione. L’Alto Lazio e la Tuscia non potranno che beneficiare della grande attenzione che, a livello regionale, c’è intono a Civitavecchia. Vista anche la vicinanza geografica, abbiamo di fronte una grande opportunità e, in quell’ottica di collaborazione territoriale che è sempre stata una caratteristica della nostra Associazione, metteremo in campo tutte le nostre energie per coglierla al meglio”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email