Bitcoin non ne aveva davvero bisogno! Già in crisi, il Bitcoin è sprofondato ulteriormente con la caduta del crypto exchange FTX. La flessione delle criptovalute sta mandando in rosso molti investitori. Tra questi investitori c’è El Salvador, il Paese che ha adottato il Bitcoin come valuta ufficiale nel 2021.

El Salvador scommette su Bitcoin

Altri tempi, altri tempi… L’anno scorso i prezzi delle criptovalute stavano battendo un record dopo l’altro. Tanto che il presidente di El Salvador Nayib Bukele ha deciso di scommettere su questo nuovo oro crittografico. Il Paese ha quindi deciso di adottare il Bitcoin come una delle sue valute ufficiali. L’altra valuta ufficiale è il dollaro USA.

A poco più di un anno dall’ufficializzazione, El Salvador si trova in uno stato di confusione. Va detto che il Paese era stato criticato dal FMI e dagli Stati Uniti per la sua scelta. Il presidente Bukele si è fatto beffe della loro posizione e ha sempre mostrato totale fiducia nel Bitcoin. All’inizio di quest’anno ha infatti previsto che il prezzo del Bitcoin avrebbe raggiunto i 100.000 dollari entro il 2022.

Purtroppo l’inverno delle criptovalute è passato e il prezzo del BTC è crollato. Al momento in cui scriviamo, il prezzo del Bitcoin è di 16.250 euro, con un calo di quasi il 60% rispetto all’inizio dell’anno. In effetti, il 1° gennaio 2022 il prezzo del Bitcoin era di 40.717 euro.

Un’altra delle previsioni di Bukele per il 2022 è l’emissione di “obbligazioni vulcano”. Queste “obbligazioni” dovevano generare un reddito passivo investendo nell’energia dei vulcani per le attività di mining di Bitcoin. Va detto che le cose non sono andate come voleva. Il prezzo del Bitcoin è crollato e le obbligazioni del vulcano non hanno mai visto la luce.

“Se Bukele aveva il sogno di poter creare una politica monetaria innovativa e diversa e contro il parere del FMI, quel sogno è fallito”. Luis Membraño, economista in El Salvador

El Salvador, finanziariamente isolato

Per essere trasparenti, la caduta del Bitcoin ha un impatto minimo sull’economia del Paese, in particolare sul suo debito. Infatti, sebbene il Paese abbia acquistato molti Bitcoin, la maggior parte delle riserve valutarie del Paese rimane in dollari. Il problema è piuttosto l’isolamento del Paese. Come spiegato sopra, la scelta di “formalizzare” il Bitcoin è stata unilaterale e sconsigliata dagli Stati Uniti e dal FMI.

D’altra parte, l’altra valuta ufficiale di El Salvador è il dollaro, che si può negoziare con le crypto su Quantum AI. In periodi di forte inflazione, come quello attuale, il Paese non ha la possibilità di stampare moneta.

Non è una situazione facile per il Paese, soprattutto perché a breve dovrà pagare un conto salato… A gennaio il Paese dovrà pagare l’equivalente di 667 milioni di euro per l’ammortamento degli eurobond. Sulla base di previsioni molto ottimistiche all’inizio dell’anno, il Presidente Bukele aveva scommesso sul Bitcoin per pagare questa somma. Ora le sue possibilità sono molto limitate… ma un candidato si offre di aiutarlo.

El Salvador si allontana ulteriormente dagli Stati Uniti e si avvicina alla… Cina

Per coincidenza, nello stesso momento in cui la borsa FTX si è dichiarata fallita, il presidente Bukele ha annunciato la firma di un accordo di libero scambio con… la Cina! Il vicepresidente di El Salvador ha dichiarato che la Cina è pronta ad acquistare i 21 miliardi di dollari di debito estero di El Salvador. Naturalmente, questo accordo non è un regalo e permetterebbe alla Cina di piazzare le sue pedine.

“La Cina si comporta come un prestatore, fa un sacco di soldi su questi affari (…) Ma spesso coglie l’opportunità di abbinare questi prestiti a partnership commerciali e strategiche, aprendo la strada alle aziende cinesi”. Evan Ellis, senior fellow presso il Centro per gli studi strategici e internazionali di Washington DC

Un tale accordo significherebbe una svolta nella politica di El Salvador. In termini pratici, ciò segnerebbe un allineamento di El Salvador con la Cina. La Cina diventerebbe così il principale “finanziatore” di El Salvador. Il Paese avrebbe così segnato definitivamente la sua separazione dagli Stati Uniti.

Va detto che le relazioni tra Cina e El Salvador si sono riaccese dal 2018. In quel periodo, El Salvador ha interrotto le sue relazioni con Taiwan, con grande gioia della Cina. La Cina ha quindi iniziato a investire in El Salvador, costruendo stadi, librerie, ecc.

Articolo precedente“Interconnettiamoci… ma con la testa” service nazionale LCI giunge a Tarquinia: protagonisti oltre 200 studenti dell’IISS V. Cardarelli
Articolo successivoAcquapendente, Scuola di Musica iscritta nell’elenco regionale