Il 21 maggio alle ore 17 presso la Sala del Teatro in piazza della Rocca, a Farnese (VT) avrà luogo un incontro di iniziativa popolare volto alla ricerca di soluzioni condivise per una efficace gestione pubblica dell’acqua.

Organizzato in cooperazione con il Comitato Farnese Ambiente Salute e Territorio, “Acqua bene comune Tuscia” è un evento aperto a tutti, che coinvolge popolazione e amministratori ma anche chimici, biologi, ingegneri, avvocati, agricoltori, allevatori, permacultori e tutti quelli che hanno qualcosa di utile da portare per trovare una soluzione possibile e condivisa alla doppia esigenza di garantire un’acqua sana a persone, animali e coltivazioni e un’acqua libera da interessi commerciali che la inquinano e che portano a un rincaro delle bollette.

Contrario all’ingresso di Talete, il Comune di Farnese, come altri, è ora sottoposto forzatamente a questa ingerenza dalla stessa Regione Lazio che avrebbe dovuto applicare la legge 5 risultato della vittoria referendaria del 2011 dei movimenti per l’acqua. In questa occasione verrà tra le altre cose lanciata la proposta di una raccolta firme a richiedere con urgenza l’applicazione della legge 5/2014 e in particolare l’art. 5 comma 1, che sancisce la definizione degli ambiti di bacino idrografico e la disciplina delle forme e dei modi della cooperazione fra gli enti locali e le modalità per l’organizzazione e la gestione del servizio idrico integrato, costituito dall’insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua, di fognatura e di depurazione delle acque reflue.

Numerosi gli interventi che si succederanno nel corso del pomeriggio, a partire da un’introduzione a cura della biologa molecolare, saggista e permacultrice Saviana Parodi e poi a seguire del referente regionale del Forum dei movimenti per l’acqua Francesco Lombardi e del Comitato Non ce la beviamo di Viterbo, oltre che dei sindaci e candidati sindaci. In ogni caso chiunque voglia intervenire con un contributo costruttivo potrà richiedere la parola. La durata di ogni intervento sarà moderata.

Commenta con il tuo account Facebook