“Quest’estate i comuni di Marta, Capodimonte e Bolsena potranno consentire in via transitoria le attività portuali”.
Lo comunica il consigliere regionale del Pd Enrico Panunzi. Il provvedimento è contenuto nella proposta di delibera numero 8170 approvata ieri dalla Giunta, in attuazione dell’articolo 2 del protocollo d’intesa sottoscritto il 21 febbraio 2020 tra la Regione Lazio e i tre comuni affacciati sul lago di Bolsena, che sono tenuti a completare le procedure volte a iscrivere al catasto, come beni appartenenti al demanio regionale, le opere infrastrutturali presenti all’interno dell’area portuale di competenza, trasmettendo gli esiti alla Direzione regionale Bilancio, Governo Societario, Demanio e Patrimonio.
“Una misura necessaria per aiutare il turismo a ripartire, messo in crisi dall’epidemia di coronavirus – prosegue il consigliere regionale Panunzi -. Sarà quindi consentita la possibilità di ormeggiare le imbarcazioni nei porti di Marta, Capodimonte e Bolsena. Viene risolta una criticità che rappresentava un freno a un settore economico molto importante per questa parte della Tuscia”.