Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – La cittadina di Montefiascone, ha celebrato la festa della Liberazione nel modo migliore, avendo coinvolto nella manifestazione persone di tutte le età.

 

La manifestazione si è svolta in due momenti molto suggestivi: il primo intorno alle nove e trenta all’inizio di Via Delio Ricci, medaglia d’ora al valore militare, ove il sindaco L. Cimarello, accompagnato da diverse forse dell’Ordine e da diversi altri Amministratori Comunali, ha deposto un mazzo di fiori, ai piedi della stele, alla memoria di Delio Ricci; il secondo sul Piazza Vittorio Emanuele al centro del paese sotto il palazzo comunale.

 

A questa seconda parte, oltre il corteo pervenuto dalla prima parte in Via Delio Ricci, erano presenti le rappresentanze delle maggiori Associazioni di Montefiascone con i loro labari e bandiere, oltre ovviamente le rappresentanze della varie forse dell’ordine, l’ Orchestra Fiati della Tuscia che ha eseguito vari brani appositamente scelti e consono all’occasione, e, per la prima volta un gruppo di ragazzi in rappresentanza della scuola Alessandro Manzoni i quali, sotto la direzione del maestro Paolo Bordini, muniti di flauti e tamburi, con bravura e molta concentrazione, hanno eseguito e cantato brani adeguati alla circostanza.

 

Il sindaco L. Cimarello ha dato inizio alla cerimonia con un discorso sentito e toccanti quindi è seguita la lettura di alcune lettere dei partigiani inviati alle loro famiglie prima di essere giustiziati poichè condannati a morte dai tribunali fascisti per i loro ideali di libertà che stavano sostenendo; lettere inneggianti allo spirito di libertà che si andava costruendo, nelle quali gli ingiustamente condannati testimoniavano la loro consapevolezza consapevoli che il loro sangue non veniva sparso invano. La lettura di tali documenti è stata fatta da alcuni ragazzi, alunni dell’IISS “C.A. Dalla Chiesa, poi tutta la parte musicale-canora. Un momento toccante ove tutti i presenti sono stati coinvolti ed hanno partecipato con attenzione e, a tratti, con commozione.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email