MONTEFIASCONE – Il Melograno, Associazione Politico Culturale nata, prima delle elezioni comunali di due anni fa ed in funzione delle medesime, anzi, proprio al fine di vincerle, come poi è accaduto, era una forza politica a tutti gli effetti e non una lista civica. Come qualcuno va dicendo in giro e come è stata fatta passare nella campagna elettorale per le elezioni comunali di due anni fa.

Facendo un’analisi specifica della composizione del Melograno il suo essere forza politica emerge in tutta la sua realtà. Basti pensare che in esso era presente la componete di sinistra o meglio Socialista. Nella persona dell’attuale sindaco, Forza Italia nella persona di Leonardi e suoi, Noi con Salvini nella persona di A. Bracoloni, Fratelli d’Italia nelle persone di Ceccarelli e Manzi.

Queste persone poi hanno scoperto le carte ed apertamente dichiarato, in uno degli ultimi consigli comunali, prima delle ultime elezioni politiche del quattro marzo, dando l’ultimo colpo finale per la morte definitiva del Melograno. In tutto questo contesto, va aggiunto anche che un’altra ferita data al Melograno, sono state le ultime vicende politico-amministrative messe in atto dal sindaco Paolini nella creazione della nuova dirigenza nel suo insieme, su Villa Serena.

Dott. Caporiccio! Il Melograno, una forza politica in un primo tempo riservata poi scopertasi. Il suo pensiero visto che è stato il fondatore?!

Quanto voi avete già detto sopra è pura verità che confermo. Ma io che sono stato il fondatore, o meglio, il creatore di questa Associazione e Forza Politica, aggiungo e chiarisco che il Melograno era un Movimento Politico Culturale a carattere associativo non riconosciuto e senza scopo di lucro. Si ispira ai principi della cultura liberale riformista, per cui consegue e persegue, come propri obiettivi e finalità, il cambiamento radicale politico amministrativo del nostro comune. Questo quanto recita anche il suo statuto.

L’Associazione ha durata illimitata chiarendo che la lista politica (civica) e stata una conseguenza e frutto del Melograno. Esso è stato fatto morire, mentre l’Associazione è rimasta in piedi anche se attualmente non è operativa non avendo più neanche la sede.

Dopo le elezioni comunali di due anni fa, infatti, il Melograno non si è più riunito, nonostante le sollecitazioni del Presidente e quasi non se ne parla più.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook