Il 27 aprile le alunne e gli alunni dell’istituto comprensivo “Luigi Fantappiè” di Viterbo, nell’ambito dei progetti “Semi per il Futuro” e “Progetto Uomo”, hanno fatto visita al Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Viterbo.

I bambini delle classi 5^A e 5^B, accompagnati dai loro docenti, sono stati accolti dal Comandante Provinciale, Col. Massimo Friano, dal Tenente Colonnello Leonardo Mareschi, Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Viterbo e dal Capitano Felice Bucalo, Comandante della Compagnia di Viterbo, trascorrendo una giornata con i militari della Benemerita.

Il progetto “Semi per il Futuro” – inserito nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa della scuola Fantappiè – ha permesso la partecipazione alla visita anche di un gruppo di studenti della classe 3^D della scuola secondaria, “I giovani YouTuber della Fantappiè”, che hanno raccolto materiale audio e video da inserire nel prodotto finale di rendicontazione del progetto.

Fantappie

L’obiettivo delle attività svoltesi oggi al Comando – rassegna di auto, moto ed equipaggiamenti in datazione al Gruppo Carabinieri Forestale e al Nucleo Operativo e Radiomobile, incontro con il personale della Centrale Operativae addetto al gabinetto fotografico, proiezione di video istituzionali – è stato quello di avvicinare gli studenti all’importante ruolo che svolgono i Carabinieri nella nostra città, non solo dal punto di vista della sicurezza e della prevenzione, ma soprattutto rispetto all’impegno Umano e Personale che ogni giorno investe gli uomini e le donne dell’Arma.

Importante il contributo dell’Associazione Nazionale Carabinieri (A.N.C.) di Viterbo e Provincia, presente con propri soci – anche nella sua articolazione di Protezione Civile – forti del loro bagaglio di esperienze e pronti a supportare ancora la comunità della Tuscia sui loro mezzi di soccorso.

“Abbiamo toccato con mano il lavoro dei carabinieri” – ha commentato una studentessa – “e ora sappiamo che dietro alla loro divisa c’è un costante impegno giornaliero fatto di molte attività, alcune che non si vedono, ma tutte hanno come scopo quello di vigilare costantemente sulla sicurezza anche di noi ragazzi più piccoli. E poi sono persone come noi”.

La dott.ssa Valeria Monacelli, Dirigente scolastico dell’Istituto Fantappiè, ha così commentato: “La visita al Comando Provinciale rientra tra le attività del “Progetto Uomo”, ideato dalle classi quinte della scuola primaria; inoltre è stato il momento conclusivo del progetto “Semi per il Futuro” nato dalla collaborazione tra l’istituto Fantappiè e il Comando Provinciale dell’Arma. I rapporti interistituzionali coinvolgono in prima persona gli alunni i quali non devono esserne solo i destinatari, ma i veri fautori. Gli studenti hanno bisogno di vivere concretamente il valore delle istituzioni, il ruolo di supporto che hanno nella formazione dei futuri cittadini. Non possiamo pretendere di fornire ai ragazzi solo nozioni o regole scollegate dalla quotidianità. Per comprendere il significato della collaborazione proficua, ogni alunno deve essere messo nella condizione di viverla. Le buone prassi e i comportamenti virtuosi sono il risultato del praticare rapporti efficaci, basati sulla reciproca conoscenza”.

Queste le parole pronunciate dal Comandante Provinciale dei Carabinieri al termine della mattinata: “Nell’ambito dell’importante ed articolato programma di incontri e attività con le scuole di ogni ordine e grado della Provincia di Viterbo e con l’intento di costruire proficui ed efficaci rapporti tra le istituzioni che insistono sul territorio del Comune Capoluogo, è stata avviata una stretta collaborazione tra il Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Viterbo e l’Istituto Comprensivo Luigi Fantappiè, affinché l’azione educativa portata avanti dalla scuola nel suo quotidiano agire possa essere efficacemente supportata anche da coloro che, operando sul territorio cittadino con compiti di rassicurazione sociale e prevenzione, possono concorrere alla corretta formazione dei cittadini del futuro.”

La collaborazione nasce dall’esigenza di valorizzare il centro storico ed i suoi abitanti, anche in vista di un futuro potenziamento della Stazione dei Carabinieri che è da sempre fulcro operativo nel quartiere dove è ubicata la sede centrale dell’istituto. Il progetto ha l’obiettivo di fornire ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado alcuni strumenti di riflessione sul mondo in cui viviamo, l’ambiente e la società, creare e consolidare relazioni equilibrate e soddisfacenti, sia con sé stessi che con gli altri, nell’ambito familiare e nei diversi gruppi in cui si svolge la vita quotidiana.