VETRALLA – “Amministrare significa fare delle scelte. Ed è evidente che non esiste la scelta perfetta ma la scelta che meglio contempera le varie posizioni.

Dopo la prima giornata di riattivazione dei servizi essenziali, l’apertura degli uffici comunali e di tutte le scuole di ogni ordine e grado nel corso della quale non si sono verificate criticità particolari, ci preme rassicurare che non sono state prese decisioni avventate senza il confronto con i tecnici comunali e senza l’assicurazione che tutti gli ambienti fossero adeguatamente riscaldati e gli accessi messi in sicurezza.

I tecnici degli uffici comunali, gli operai, i vigili urbani, gli operatori della nettezza urbana ed i volontari della protezione civile hanno fatto turni instancabili per fare in modo che la viabilità fosse aperta e fruibile a tutti, intervenendo su tutte le strade comunali, gli accessi agli edifici scolastici fossero messi in sicurezza, gli ambienti fossero riscaldati, i percorsi degli scuolabus percorribili. Si è cercato in ogni modo di prevedere tutto e, dopo una seria e responsabile riflessione e bilanciamento delle esigenze e necessità di tutti, abbiamo deciso che ci fossero le condizioni per non prorogare ulteriormente la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Se abbiamo atteso prima di comunicare le decisioni adottate è stato esclusivamente perché le decisioni sono state ragionate e ponderate e anticipate ai dirigenti scolastici competenti.

Nel merito non sfuggirà che la chiusura di 4 scuole dell’infanzia, 2 scuole secondarie di 1° grado, una scuola secondaria di secondo grado l’asilo nido e la ludoteca comunale interessano circa 1700 fruitori (neonati, alunni e studenti) con le relative famiglie e circa 250 lavoratori tra personale docente non docente, assistenti, personale mensa, autisti, etc.

Un solo giorno di sospensione delle attività didattiche è un disservizio enorme per la collettività sia sotto il profilo didattico, che sotto quello puramente socio-assistenziale, nonché sotto quello meramente economico; infatti il costo a carico dell’Erario per ogni giornata di sospensione dell’attività didattica ammonta per il nostro comune, con una stima approssimativa, a circa 17.000 euro.

Siamo consapevoli che amministrare non significa solo ed esclusivamente ricevere consensi ma prendersi la responsabilità di assicurare i servizi e farsi garanti che venga svolto il “giusto” da parte di tutti.

E’ nostro compito infatti, in sinergia con i dipendenti comunali, assicurare la sicurezza degli accessi, la fruibilità degli spazi, la fornitura dei servizi essenziali quali quelli dell’istruzione e dell’assistenza e che venga assicurata l’economicità dei servizi, evitando sperpero di denaro pubblico. Questo ci siamo impegnati a fare di fronte alla cittadinanza tutta e questo stiamo facendo”.

Amministrazione Comune Vetralla

Commenta con il tuo account Facebook