VITERBO – “La natura si ribella, vendicandosi degli abusi che ha subito e assistiamo alla rinascita della vita sulle rovine delle costruzioni dell’uomo.

Uno spettacolo commovente che ci mostra quanto la natura sia più forte di ogni cosa. E di quanto possa essere tanto forte da riprendere possesso di luoghi in cui per lungo tempo è stata tenuta a bada. Di sicuro non nell’era del nongoverno della città da parte della morente amministrazione di Viterbo targata Michelini, PD, sinistri vari, civici convertiti cinque anni fa e ora pronti ad abiurare la fede.

Parchi abbandonati, erba alta un metro, giochi per bambini devastati, rami caduti, marciapiedi infestati, siepi lasciate crescere incontrollate. Così sono al momento le aree verdi del quartiere Santa Lucia, situazione che si replica anche nelle altre zone della città.

Troppo occupati a preparare gli scatoloni e liberare stanze che non occuperanno mai più e a cercare soluzioni fantascientifiche per garantirsi il ritorno nella Sala d’Ercole. Per provare a far funzionare gli uffici, per ricordarsi dei contratti firmati per la gestione del verde, per verificare il numero degli sfalci previsti e quelli eseguiti, buoni neanche a provvedere al minimo sindacale.

Quando uno spazio viene abbandonato ed entra in rovina la natura ne riprende possesso, avvolgendolo di foglie e verde, e rendendolo spiritualmente libero. Consentendo di riflettere sullo scorrere del tempo e sulla caducità del fare umano, insignificante nel complesso Ordine della Natura, come d’altronde l’Amministrazione Michelini”.

Enrico Maria Contardo
Coordinatore Comunale Lega Salvini Viterbo
Commenta con il tuo account Facebook