“In merito a tutte le chiacchiere e alle polemiche inutili e strumentali che si stanno facendo sulla prossima costituzione di una Fondazione per il carnevale civitonico, chiacchiere e polemiche alimentate soprattutto dal consigliere di minoranza Simone Brunelli, – afferma Simonetta Coletta, assessore al turismo di Civita Castellana – si è pensato di indire una riunione urgente con i gruppi, inizialmente non in programma, per chiarire direttamente e definitivamente la situazione, senza lasciare spazio a fastidiosi pettegolezzi che si qualificano da soli.

Parto dall’inizio e faccio un po’ di cronistoria degli eventi. Sono state indette due riunioni con i gruppi, in data 4 e 21 aprile 2022, aventi come oggetto principale proprio la Fondazione del carnevale civitonico. La bozza dello statuto è stata inviata per mail dagli uffici comunali a tutti i responsabili dei gruppi, proprio per dare la possibilità di fare osservazioni, dopo il primo incontro del 4 aprile. A tale prima riunione, lo preciso, hanno partecipato 8 gruppi su 22. Nella riunione del 21 aprile, alla quale hanno partecipato invece 9 gruppi su 22, la Fondazione è stata ampiamente illustrata ai partecipanti e se ne è anche discusso sviscerando tutti gli aspetti. Sono, infatti, emerse da parte dei gruppi tre osservazioni alla bozza dello statuto inviato. A fronte di ciò l’Amministrazione Giampieri, nella mia persona, in quella del sindaco e dei miei colleghi assessori, ha deciso di condividere due delle tre osservazioni presentate.

Invito tutti a leggere gli statuti degli altri carnevali d’Italia e a trovare una partecipazione maggiore di quella che il Comune di Civita Castellana sta giustamente e democraticamente prevedendo per i gruppi mascherati locali. Leggendo tali statuti sarà possibile rendersi conto dell’importanza data da questa amministrazione alla concertazione e al dialogo con i gruppi.

Ricordo benissimo, infine, che, una volta usciti dalla riunione del 21 aprile, i rappresentanti dei gruppi presenti hanno invitato il Comune a non abbandonare l’idea della Fondazione e ad affrettare i tempi di realizzazione di un progetto giudicato entusiasmante. Chi ha partecipato ha avuto fin dall’inizio cognizione del programma di sviluppo rappresentato dalla Fondazione. Invito tutti ad una maggiore coesione e a credere in un progetto pensato e ideato esclusivamente per migliorare il nostro bellissimo carnevale”.

Articolo precedenteSporting Village Soriano, sabato 4 il taglio del nastrO
Articolo successivoPrefettura Viterbo: Celebrati il 76° anniversario della Repubblica