REGIONE – Il candidato nella Lista Civica Zingaretti Presidente, Mauro Mazzola, torna a parlare dell’ornato e delle infrastrutture, ormai non più procrastinabili, che ogni cittadina ed ogni paese della Regione dovrebbe avere.

Sig. Mazzola perché torna di nuovo sull’ornato dei paesi; oltre quanto già ha detto, ci sono priorità da portare alla ribalta?!
Ebbene si. In ogni cittadina e paese, senza escludere anche i centri minori, vi è il grande problema della sicurezza nell’arco delle ventiquattro ore. Vede, rimango sempre colpito, ogni volta che vado in un paese, quando, attraversando le sue porte principali d’accesso al centro storico, trovo ancora issate ai robusti cardini a muro le vecchie massicce porte in legno. Può sembrare una nostalgia o una stupidaggine, dipende dal punto di vista; per me, invece, sono un forte richiamo ed una forte testimonianza delle esigenze dei centri storici nei secoli passati. Sono la testimonianza che i cittadini volevano stare sicuri entro le mura; per questo quelle porte, tutte le sere, in sul calar del sole, si chiudevano per essere riaperte nelle prime ore del mattino. Oggi quella prassi sarebbe ridicola, anche se, forse, storicamente, apprezzabile e simbolicamente caratteristica,ma facendo un’analogia e, cercando di capire la loro ragion d’esistere, si potrebbe dire che esse, in un qualche modo, facevano le stesse funzioni di protezione che oggi effettuano i più moderni impianti di videosorveglianza.

E su questo punto voglio fermare la mia riflessione ed attirare la vostra attenzione, esprimendo la mia ferma convinzione che, oggi, in questa società in cui viviamo, detti impianti tecnologici, dovrebbero essere realizzati in ogni centro abitato più o meno grande che esso sia. In ogni cittadina o paese della nostra Regione, ci dovrebbe essere, obbligatoriamente, un impianto di videosorveglianza soprattutto nei punti più sensibili che ogni Amministrazione locale dovrebbe individuare e, per i quali, poi, l’Istituzione Regione se ne dovrebbe far carico sia sotto l’aspetto tecnico-operativo che sotto l’aspetto economico anche con la forma del capitale misto.

In questo contesto la Regione dovrebbe farsi promotrice anche di consorzi zonali ove, Amministrazioni locali, Aziende private e Regione, con quote adeguate, potrebbero essere soggetti dei consorzi stessi,

Su questo problema della videosorveglianza e della sua necessità, ne sono seriamente e profondamente convinto; sperando che i cittadini mi mandino al consiglio regionale con il loro voto, nella giornata del quattro marzo prossimo, scrivendo il mio nome sulla scheda verde, nell’ultima casella in basso a destra, e sbarrando il simbolo della Lista Civica Zingaretti Presidente, metterò tutto il mio impegno e tutte le mie forse perché questo concetto e la conseguente realizzazione di questi impianti, abbia un maggior impulso rispetto all’attuale e, al tempo stesso, diventi uno degli impegni prioritari della nuova Amministrazione Regionale a favore di tutti gli agglomerati urbani presenti sul territorio di nostro interesse.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook