ORTE – “Solo pochi giorni fa un autorevole esponente della maggioranza regionale, il presidente della commissione trasporti Panunzi, rimproverava il sottoscritto che si era permesso di denunciare i disagi a cui sono sottoposti i pendolari viterbesi, in quel caso della ferrovia ex concessa Roma Viterbo. Il grande statista della Tuscia rispose stizzito paragonandomi ad un azzeccagarbugli, confermando però definitivamente la sua mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini che lo hanno eletto in consiglio per essere rappresentati, e che quotidianamente incontrano disagi nel trasferimento da e per Roma. In quella nota affermò che la regione non aveva alcuna competenza sulla Roma Viterbo dimostrando di non conoscere assolutamente la macchina amministrativa, essendo la Regione proprietaria della linea.

 

A pochi giorni da quelle dichiarazioni “incomprensibili”, che hanno rappresentato un goffo tentativo di difendere l’indifendibile, è notizia di oggi la lettera dei pendolari di Orte a Istituzioni e Trenitalia per lamentare i disservizi e le condizioni di viaggio assurde. Sarà mia premura consegnarla proprio a Panunzi, e visto che il centrosinistra sembra intenzionato a non voler affrontare ( forse non ne è in grado) queste criticità, sarà nostra attenzione presentare subito una interrogazione a risposta immediata nella prossima seduta consiliare. Tra l’altro, anche oggi sulla tratta Roma Viterbo ( quella gestita da Atac ma di proprietà della Regione) ci sono stati rallentamenti e corse soppresse”. Lo dichiara il Capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma (foto).

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email