VITERBO – “Una politica partitica impegnata su come occupare seggi, a scambiarsi i collegi, a spostare le pedine ( sempre le stesse ) di qua e di la , sopra e sotto, mettere in piedi collaborazioni ed accordi da equilibristi da circo, corredato da offerte speciali e saldi di fine legislatura.

Il tutto si svolge sulla pelle e sulle spalle dei cittadini e rischia di far aumentare il popolo del non voto.

Le elezioni politiche e regionali di conseguenza stanno bloccando le decisioni e le scelte importanti che riguardano le amministrative della Città di Viterbo.

Tutto è fermo e tutto tace, in attesa che i giochi siano fatti.

Sono diversi mesi che la nostra Associazione Progetto Viterbo e Provincia, svincolata da queste logiche pone al centro progetti concreti come politiche del decentramento amministrativo ex comuni e frazioni, acqua ed ambiente, termalismo, agricoltura, sostenibilità sociale ed associazionismo attivo, turismo, cultura e sport, riqualificazione delle periferie e del centro storico, riqualificazione urbanistica strutture e d infrastrutture e viabilità, piano urbanistico del commercio tanto per citarne alcuni.

Oggi siamo ancora più convinti del nostro Progetto e della opportunità di unire le forze delle associazioni e/o movimenti civiche, realtà fortemente presenti sul territorio, allo scopo di poter camminare insieme e dettare le linee giuda sulle scelte e dare concrete risposte alle necessità amministrative dei cittadini.

Siamo convinti che questa area civica sia vasta e possa insieme avere un peso specifico consistente, insieme si può ragionare dei progetti e delle cose da fare, prima ancora di lanciare nomi e candidati che non si sa cosa vogliono fare e cosa rappresentano, se non loro stessi ed il loro rispettabilissimo piccolo mondo politico che li circonda.

Avere il coraggio di confrontarsi è un segnale di apertura importante, ancora questo coraggio non lo abbiamo riscontrato, seppure esistono piccoli e labili segnali, noi cercheremo il confronto e la condivisione con tenacia, con serietà e concretezza.

Continua il nostro lavoro sul territorio e tra la gente cercando di essere un punto di riferimento leale e con umiltà ( la presunzione in politica non sempre paga ), cercheremo di unire, se è possibile, più soggetti su un programma elettorale serio, funzionale e concreto.

Noi ci siamo, stiamo lavorando per affrontare i problemi della Città di Viterbo, degli ex-comuni e frazioni, siamo a disposizione degli uomini e donne di buona volontà, in attesa che la politica cittadina abbia compiuto i suoi scambi, le transumanze e la smetta di perseguire obiettivi più personali che di interesse pubblico”.


Associazione Progetto Viterbo e Provincia
Il Presidente Mario Tofanicchio
Il Vice-Presidente Diego Lazzari

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email