Purtroppo il quadro delle carceri del Lazio attualmente non risulta roseo.

Attualmente non si placa il sovraffollamento che risulta essere di 1.304 detenuti considerato che n° 6.562 risultano essere i detenuti reclusi nei 14 Istituti del Lazio, dato 31 marzo 2019, rispetto ad una capienza regolamentare di detenuti prevista di n° 5.258 .

Per la Fns Cisl Lazio occorre che detenuti con problemi psichiatrici siano assegnati in luoghi esterni o ripensare a riaprire gli OPG per la giusta applicazione dell’articolo 27 della Costituzione, poiché non possono condividere la stessa camera detentiva con soggetti non psichiatrici, il personale di polizia penitenziaria non può gestire detti detenuti poiché la competenza sanitaria è delle regioni e della asl.

E’ auspicabile nel frattempo il potenziamento dell’offerta psichiatrica negli istituti penitenziari del Lazio nella prospettiva dell’apertura di nuove strutture REMS.