REGIONE “Tra guasti tecnici, ritardi e “portoghesi” ormai per i pendolari che da Viterbo si recano a Roma e viceversa, la tratta ferroviaria è diventata una vera e propria odissea. I ritardi sono più puntuali degli stessi treni mentre i guasti sono ripetuti.

I lavoratori della Tuscia (e non solo), sono costretti a recuperare le ore di lavoro perdute o a chiedere permessi per il ritardo con cui arrivano sul posto di lavoro. Oggi i viaggiatori dell’FL3 erano esasperati, indignati, complice il caldo e l’uomo che ha provato a viaggiare gratis a spese degli utenti. La cui identificazione è costata circa un’ora ed alla quale si è aggiunta un’altra mezz’ora di ritardo per l’ennesimo guasto.

Non dimentichiamoci che sulla FL3 ci sono importanti scambi con le metropolitane della Capitale e con altre tratte ferroviarie (Bracciano-Roma, Cesano-Roma Monterotondo e La Storta-San Pietro). Mi auguro che Trenitalia riservi, in futuro, una maggiore attenzione nei riguardi di coloro che passano una parte importante della propria giornata sui treni regionali”.

Laura Corrotti (Lega)

Commenta con il tuo account Facebook