VITERBO – Chiesa del Gonfalone gremita domenica 21 giugno, per il Concerto d’estate in memoria di monsignor Francesco Zarletti (foto), a quasi un mese dalla sua scomparsa. Musiche di Bach, Schumann e Liszt magistralmente eseguite dal maestro Luigi Pancia, il pianista che vanta ormai una decennale esperienza nel campo del concertismo e dell’insegnamento, per un intenso iter musicale tra il “Bach Revival” ed il romanticismo.

 

Un evento reso possibile dall’Arciconfraternita Madonna del Carmelo, che grazie al Priore Franco Chiaravalli, continua il progetto intrapreso da un ventennio da monsignor Zarletti. A portare i saluti istituzionali del sindaco del capoluogo della Tuscia Leonardo Michelini, la consigliera Daniela Bizzarri, che ricordando la figura del sacerdote, sottolinea quanto la comunità avesse perso con la sua mancanza.

 

Dato che accanto al pianoforte c’è una sedia con la locandina di Posto Occupato, per ricordare tutte le donne vittime di violenza, la consigliera Bizzarri con Delega alle Pari Opportunità, esprime profondo rammarico per questa grave problematica sociale. ” Anche noi come Comune di Viterbo, siamo stati uno dei primi Comuni in Italia che hanno adottato un posto nel Consiglio comunale, per interventi a favore di vittime, di questo fenomeno così preoccupante”.

 

“Sono certa che zio Monsignore dall’Alto condivide, ascolta e darà la sua benedizione- afferma Rita Belardini Zarletti, vicepresidente della Confesercenti di Viterbo e moglie di Ilio diretto nipote del sacerdote scomparso – è fra noi e ci parla, anche se noi non sappiamo ascoltare”. A presentare l’apprezzato concerto del pianista Luigi Pancia, è un’appartenente all’associazione Madonna del Carmelo, Laura Ciulli, che recita alcune poesie di monsignor Zarletti, tra le quali l’ultima scritta recentemente: “Sinfonia delle Sinfonie”. Appuntamento a mercoledì 24 giugno per la messa del trigesimo, presso la chiesa del Gonfalone, ore 18.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email