“Un grande attore, doppiatore, conduttore televisivo, regista, direttore artistico, insegnante e soprattutto cittadino onorario, dal 2013, quando l’allora amministrazione Michelini gli conferì la cittadinanza onoraria. Un figlio adottivo per Viterbo, amato da tutti.
Tutti noi viterbesi, – Prosegue il sindaco Giovanni Maria Arena – appena saputa la triste notizia, anche solo per un attimo, ne sono certo, siamo tornati con la mente a quei giorni di ormai tanti anni fa, quando Proietti lo vedevamo girare per Viterbo, vestito da carabiniere nei panni del Maresciallo Rocca. A piazza San Lorenzo, a San Pellegrino, o in tanti altri luoghi della nostra città che tanto piacquero a Proietti e al regista Giorgio Capitani, anche lui cittadino onorario viterbese, con l’allora amministrazione Gabbianelli.
Viterbo deve molto a Gigi Proietti. Ricorderà le sue energiche e decise strette di mano quando tra una pausa e l’altra della serie tv che stava girando si concedeva per una foto, ricorderà la sua eleganza e la sua ironia. Ricorderà la sua bravura. Sarebbe più corretto parlare di grande professionalità. Ma Gigi Proietti era bravo davvero. Anche e soprattutto a conquistare il consenso e l’affetto del pubblico. Se ne è andato in un giorno importante, lo stesso giorno in cui era nato 80 anni fa. Viterbo, commossa, si stringe al dolore dei familiari”.