VITERBO – La polizia Locale sul piede di guerra contro il Comune per questioni di “straordinario” legate alla presenza degli agenti per manifestazioni programmate da privati per cui indirizzano una nota al Sindaco del Comune di Viterbo, all’Assessore alla Polizia Locale Comune di Viterbo, al Segretario Generale Comune di Viterbo, al Dirigente del Personale Comune di Viterbo, al Comandante della Polizia Locale Comune di Viterbo, alle Posizioni Organizzative del Comando Polizia Locale.

I firmatari sindacali della nota in relazione a quanto scritto dall’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche amministrazioni in risposta ad un quesito relativo all’utilizzo del lavoro straordinario ( art. 38 del CCCNL del 14/09/2000 ) che recita: “in relazione alle previsioni dell’art.38 del CCNL del 14.9.2000, concernente il lavoro straordinario come devono essere correttamente le espressioni “lavoro eccezionale” e “non possono essere utilizzate come fattore ordinario di programmazione del tempo di lavoro e di copertura dell’orario di lavoro” ivi contenute?

Appare evidente che quanto citato dall’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche non corrisponde alle disposizioni di servizio che in questi giorni si stanno applicando al Comando della Polizia Locale di Viterbo.

Si invitano pertanto le personalità in indirizzo affinché si adoperino, per quanto di competenza, nel far rispettare le norme contrattuali.

Una manifestazione come Caffeina Christmas Village non può certo rivestire carattere di eccezionalità che la rendono suscettibile di straordinarietà e imprevedibilità e quindi insuscettibile di essere programmata dal datore di lavoro.

E’ una manifestazione programmata e annunciata da oltre un anno sulla quale ci sono stati interventi sia di Giunta che di Consiglio Comunale. Si aggiunge inoltre che per tali servizi, sia che siano straordinari che ordinari, in quanto esterni e per lo più in ore notturne è d’ obbligo l’utilizzo di personale formato e dotato dell’armamento previsto.

Per quanto sopra si diffida nel proseguire nell’utilizzo di personale della Polizia Locale per coprire tali servizi ricorrendo a prestazioni di lavoro straordinario annunciando sin da ora che in caso contrario non esiteremo a presentare esposto denuncia al Procuratore Regionale della Corte dei Conti”.

Maurizio Rizzo CISLFP Polizia Locale
Maurizio Scardozzi DICCAP SULP
Marco Aluisi UIL FPL Polizia Locale Vt

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email