VITERBO – Recentemente, in Puglia, è stato segnalato ufficialmente, per la prima volta in Italia come in tutta l’Unione Europea, un pericolosissimo patogeno a carico dell’olivo (Olea europea L.) denominato Xylella fastidiosa. “Si tratta di un microrganismo che va a colpire la pianta nel suo tessuto linfatico e che porta a un disseccamento certo. La malattia viene trasmessa alle altre piante tramite alcuni insetti” ha spiegato il professor Giorgio Balestra, docente del Dafne e organizzatore, nell’ambito di uno specifico Progetto PSR della Regione Lazio, di un incontro informativo sul problema Xylella, dedicato a tutti gli agricoltori della filiera olivicola/olearia del Lazio. L’appuntamento è per sabato 9 Maggio alle 18, presso l’Oleificio Paolocci di Vetralla.

 

La Xylella fastidiosa, che si manifesta con un diffuso avvizzimento e un imbrunimento interno dei tessuti vascolari, non colpisce solamente le piante di olivo: anche la vite, gli agrumi, l’oleandro; molte specie da frutto e anche numerose specie erbacee ed ornamentali. Si tratta di un patogeno notoriamente dannoso negli Stati Uniti e, in particolare, in California, ma anche in Asia e nell’area Caraibica.

 

Quando la Xylella colpisce la pianta, come è accaduto in Puglia, il problema diventa serio davvero: “La pianta malata viene eliminata – ha spiegato Balestra – così come tutte le piante che si trovano nei 100 metri circostanti. E questo, come si può ben immaginare, rappresenta un danno enorme per gli olivicoltori”. Nel caso specifico, quelli pugliesi sono stati danneggiati profondamente, considerando che la coltivazione dell’olivo è la “coltivazione madre”. Per il momento la Xylella ha colpito solo la Puglia, in tutta Europa, ma è allarme anche nel Lazio? “Gli olivicoltori del Lazio possono stare tranquilli – ha detto chiaramente il docente – ma informare gli agricoltori della problematica, dei sintomi, dei rischi è fondamentale così che essi abbiano la possibilità di prevenire ed evitare emergenze, spesso causate dalla disinformazione o mala informazione”.

Commenta con il tuo account Facebook