Domenica la presentazione della sezione guidata dalla dottoressa Rossella Mellino

E’ stata presentata domenica pomeriggio nella splendida cornice dell’Hotel Terme Salus la sezione viterbese dell’Aidm, associazione italiana donne medico, che fino a pochi mesi fa non aveva ancora mai avuto una sua sede in provincia.

Presidente della sezione di Viterbo è la dottoressa Rossella Mellino, coadiuvata dalla vicepresidente Emanuela Fiorucci, dalla tesoriera Loretta Mellino e dagli altri membri del consiglio direttivo: le dottoresse Errera, Pannega, Federici e Di Francesco.

L’Aidm è un’associazione con un’antichissima storia alle sue spalle: nata nel 1921 come Associazione italiana dottoresse in medicina e chirurgia, diventa Associazione italiana donne medico nel 1975. Tra le sue finalità c’è principalmente quella di natura socio-scientifica e culturale e l’approfondimento delle tematiche della salute e della medicina preventiva.

Alla presentazione della sezione di Viterbo è intervenuta la dottoressa Cinzia Di Giuli, vicepresidente di Aidm Centro Italia, che ha illustrato l’immenso lavoro svolto dall’associazione che si pone al servizio dei pazienti e dei cittadini.

Non sono mancati i saluti istituzionali delle massime cariche amministrative della città: dal presidente della provincia Alessandro Romoli, alla sindaca Chiara Frontini insieme all’assessore alle Politiche sociali del Comune di Viterbo Patrizia Notaristefano.

Ad entrare nel merito delle sfide e dei progetti della neonata sezione viterbese dell’associazione ci ha pensato la presidente, dottoressa Rossella Mellino, che ha annunciato anche i primi prossimi eventi che l’Aidm di Viterbo ha già programmato in un denso calendario di incontri, congressi e giornate dedicate alla prevenzione.

A margine e a corredo della serata sono stati esposti i quadri di due pittrici viterbesi che hanno come soggetto l’universo femminile in tutte le sue sfaccettature: Giancarla Somazzi e Donatella Pauselli.

Articolo precedenteFabrica di Roma, concerto della Fanfara della Polizia di Stato
Articolo successivoViterbo, presentazione del Festival “I Bemolli sono Blu – Viterbo in Musica”