Elitaliana ha in uso, a bordo dei propri elicotteri, la prima barella di biocontenimento certificata EASA (European Aviation Safety Agency, Agenzia europea per la sicurezza aerea) ed ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile)

Due grandi azienda italiane, Northwall ed Elitaliana, hanno messo insieme le loro conoscenze e la loro esperienza per realizzare una barella di biocontenimento aviotrasportata.

Nel mese di marzo di quest’anno la grave crisi sanitaria aveva messo a dura prova i sistemi di elisoccorso (HEMS).

Non c’erano barelle di alto biocontenimento e quelle utilizzate non erano più certificate e utilizzate a scopi militari.

NORTHWALL, amministratore delegato il dr. Nicola Campani, è azienda innovativa di Castelnovo Monti che si trova in provincia di Reggio Emilia e fornisce, in esclusiva per tutta l’Europa, il dispositivo medico “CAPSULS ISOVAC”, prodotto negli Stati Uniti.

Prima ed unica barella per contagiati da Coronavirus Sars 2, certificata quale dispositivo medico classe 1, approvata da EASA ed ENAC, nel trasporto su elicotteri.

Queste barelle, non sono semplici lettighe, sono involucri a tenuta d’aria, a pressione negativa, completi di filtri sofisticati in entrata e in uscita, vie d’accesso sigillate per il trattamento del paziente, sensori, sistemi di aggancio e infine pompa per la depressione. Sono una barriera efficace contro i virus, COVID19, Ebola, batteri (TBC, ecc.), prodotti chimici tossici e pulviscolo radioattivo.

NORTHWALL srl, non si limita a fornire il dispositivo medico, ma organizza anche i corsi per preparare i medici rianimatori, il personale infermieristico e i piloti, all’approntamento e all’utilizzo del sistema di bio contenimento.

Prima società elicotteristica fornita in Europa, ELITALIANA srl.

Elitaliana ha messo a disposizione, oltre agli elicotteri, la propria base romana di Fonte di Papa dove tecnici ed ingegneri, di entrambe le società, hanno lavorato fianco a fianco per completare questo ambizioso progetto.

Questo importante dispositivo medico, adatta al trasporto in sicurezza sia per il paziente che per gli operatori sanitari e piloti, è il sofisticato sistema a pressione negativa, CAPSULS™ Patient Isolation Unit prodotto da ISOVAC Products LLC, Illinois. USA.

Grazie a questo lavoro di squadra è stata colmata una lacuna molto evidente nel servizio di assistenza sanitaria nazionale ed europea.

Le difficoltà iniziali erano legate all’adattabilità e spazio che le vecchie capsule andavano ad occupare all’interno degli elicotteri impedendo ai medici e tecnici di bordo di prendere posto nei sedili del mezzo.

Grazie alla collaborazione delle due aziende e alle tecnologie americane oggi è possibile fare quei soccorsi su pazienti che, fino a ieri, erano praticamente quasi impossibili.

La “CAPSULS ISOVAC”, oggi già nella disponibilità degli elicotteri in servizio HEMS (Helicopter Emergency Medical Services), è la prima barella ad alto biocontenimento utilizzabile su tutto il territorio europeo.

Il dispositivo ha ottenuto la certificatizione dall’EASA (European Aviation Safety Agency, Agenzia europea per la sicurezza aerea).

La sua funzione è finalizzata al trasporto di individui colpiti da malattie altamente contagiose e consente il trasferimento del pazienze in qualsiasi centro Covid o di isolamento batteriologico.

Tutto in totale sicurezza per gli operatori a bordo che di quelli che prenderanno in cura il paziente.

Rimanendo all’interno della capsula il paziente può essere sottoposto a qualsiasi tipo di esame, compresa la TAC senza il rischio di contaminazione.

La grande adattabilità negli elicotteri AW 169 e AW 139 (elicotteri prodotti dalla Agusta Westland) in servizio sul territorio consente operazioni di trasporto veloci e sicuri dei pazienti in codice rosso.

La preziosa “Capsuls Isovac” può essere riposta in un grande borsone stipato nella stiva degli elicotteri, con poco ingombro, ed è quindi disponibile sui mezzi di soccorso h24.

Nel caso di utilizzo e trasporto di un paziente potenzialmente “infetto”, è necessario procedere alla decontaminazione del “sarcofago”.

Grazie a prodotti approvati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la sanificazione è rapidissima ed è eseguita senza l’ausilio agenti chimici che potrebbero danneggiare le sofisticatissime apperacchiuture elettroniche e digitali che si trovano a bordo degli elicotteri “Pegaso”.

Elitaliana ringrazia il proprio personale tecnico in servizio a Fonte di Papa (Roma) guidato dall’ingegnere Giovanni Niro; la Northwall di Castelnovo Monti (Reggio Emilia) nella persona del dottor Nicola Campani; gli ingegneri Alessandro Ranieri Davoli e Achille Cester per la loro preziosa collaborazione e riuscita di un progetto che ha permesso già oggi, ai mezzi in servizio nel Lazio e in Calabria, di avere a disposizione la “Capsuls Isovac”.