Dopo la breve parentesi della mostra temporanea del 2013, sono visibili e fruibili in modo definitivo tutti gli ex voto conservati nel Monastero di S. Rosa, costituiti da quarantuno esemplari, tra tavolette e piccole tele, prodotti di un’arte povera e locale nel…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteAstra Zarina torna a Civita di Bagnoregio: una mostra per rendere omaggio all’architetto di fama internazionale
Articolo successivoCollettore Cobalb, Panunzi (Pd): “Riunione in prefettura molto positiva”