Mettere in rete il patrimonio della nostra città per amplificarne le potenzialità e generare un legame tra le iniziative e i viterbesi. Sulla base di questa visione l’assessorato alla Bellezza, guidato dal sottosegretario di Stato per la Cultura, Vittorio Sgarbi, lancia l’iniziativa “Condividi la Bellezza” che fonderà insieme tutte le attività poste in essere sin dalle prime settimane del suo insediamento. 

Con soli 7 euro, i cittadini di Viterbo potranno visitare le opere di Michelangelo e Sebastiano del Piombo, in mostra al museo dei Portici fino al 15 gennaio, la nuova esposizione – voluta dall’assessore Sgarbi e resa possibile dalla Fondazione Pallavicino di Genova, con la collaborazione di Carramusa Group – che verrà inaugurata domenica 4 dicembre, “Fakes. Il falso nell’arte da Annio a Omero”. 

Inoltre, partecipando a una delle serate del Festival della Tuscia – prenotandosi all’indirizzo [email protected] – anche queste a ingresso gratuito – avrà diritto, pagando il solo costo del biglietto d’entrata alla mostra del museo dei Portici, a una visita guidata gratuita, condotta da Archeoares (nei giorni 16/17/18 dicembre in due fasce orarie: 11.30 e 16.30) ai disegni di Michelangelo Buonarroti e alle pale di Sebastiano del Piombo in esposizione, usufruendo, inoltre, dell’entrata libera a “Fakes.  Il falso nell’arte da Annio a Omero”.

Del Festival della Tuscia in questi giorni sta parlando la stampa nazionale, da Repubblica, ad Ansa e Adnkronos, fino alla Rai e che sta già segnando il tutto esaurito in alcune tappe – seppur nella sua edizione di anteprima “ridotta”, in previsione della più estesa del prossimo anno, con nomi di rilevanza nazionale e internazionale della musica classica, tra i quali Beatrice Rana, pianista italiana nota e apprezzata in tutto il mondo. 

Una cifra a dir poco simbolica per un’offerta culturale di rilevanza nazionale. Unire per uscire dalla logica degli eventi, per condividere la Bellezza, contribuendo alla crescita della società e alla grandezza di Viterbo. 

Da settimane, grazie alle iniziative messe in campo dall’assessorato alla Bellezza, la nostra città è presente costantemente sulla stampa nazionale, grazie a due piani specifici di comunicazione – che vanno dalla produzione e distribuzione di materiale grafico in Tuscia, nelle regioni limitrofe e a Roma, dai social, grazie a campagne di sponsorizzazione mirate sugli eventi e con la continua operatività delle pagine istituzionali, sino al coinvolgimento diretto dei media di tutta Italia, tra gli altri punti previsti -. 

Questi sono i tratti distintivi di un percorso che è solamente all’inizio e che segna il distacco dal passato, puntando, man mano, a condurre la Bellezza di Viterbo, amplificandone il nome e la storia, a diventare ricchezza.

Articolo precedenteGli Ulivi patrimonio della Tuscia. No all’espianto
Articolo successivoMaltempo. Allerta gialla da stasera e le successive 24-36 ore