Organizzata dall’Associazione Rocca dei Papi per un’ecologia integrale e dalla Fondazione Sidival Fila, l’esposizione verrà inaugurata giovedì 29 settembre, alle 17, e sarà visitabile fino al 6 novembre

Si chiama “Passio Christi” la mostra dell’artista Sidival Fila organizzata dall’Associazione Rocca dei Papi per un’ecologia integrale e dalla Fondazione Sidival Fila, che verrà inaugurata a Montefiascone (VT) il 29 settembre, alle 17, e rimarrà aperta al pubblico fino al 6 novembre. Allestita nella suggestiva basilica superiore di San Flaviano, l’esposizione raccoglie l’installazione di una Via Crucis interpretata utilizzando tessuti vecchi scartati della seconda guerra mondiale; un Crocifisso ligneo emergente da tele rattoppate poste su di un telaio; due Sindoni appartenenti alla serie già presentata lo scorso giugno nel Battistero di San Giovanni in Laterano, a Roma, in occasione della Giornata Mondiale della Famiglia; e la Madonna del Divino Amore creata nel 2012.

Le opere sono il frutto del lavoro nato dall’interesse di Sidival Fila verso tessuti antichi in disuso e materiali di scarto che acquistano nelle sue mani una vitalità nuova. La sua poetica tende a riscattare l’oggetto da una condizione di scarto dandogli la possibilità di raccontarsi. Costante è la ricerca del contatto con la materia alla quale l’artista mira a restituire una voce. “La mostra Passio Christi si inserisce nell’ambito delle iniziative realizzate in questo anno dall’Associazione Rocca dei Papi per una ecologia integrale, nata nel 2019 ispirandosi alla lettera enciclica Laudato sì di Papa Francesco – afferma il presidente monsignor Fabio Fabene, arcivescovo di Montefiascone e segretario del Dicastero delle cause dei santi -. L’associazione è orgogliosa e onorata di ospitare Siddval Fila, una delle voci più autorevoli dell’arte contemporanea”.

Frate minore francescano, Sidival Fila è nato in Brasile nel 1962, ha preso i voti dal 1999 e ha esercitato il suo ministero nel Policlinico Gemelli e al Carcere di Rebibbia. Ha interrotto la sua attività artistica con l’ingresso nell’Ordine per riprenderla dopo diciotto anni con un percorso di ricerca che lo porta a confrontarsi con materiali in disuso, soprattutto tessuti come lino, cotone, seta, canapa, broccati, riscattando l’oggetto dalla sua condizione per restituirgli una voce, renderlo “diversamente inutile” e dandogli la possibilità di raccontare un vissuto fatto spesso di secoli di storia.

L’arte di Sidival Fila è stata presentata in diverse mostre personali, sia in Francia che in Spagna, nonché in diverse fiere internazionali, tra le quali: Arco Madrid, Fiac Parigi, Art Basel Miami, ArtBO Bogotà. Le sue opere sono presenti in collezioni private e fondazioni in diversi paesi del mondo. Inoltre è presente nella collezione permanente di arte moderna e contemporanea dei Musei Vaticani. La mostra “Passio Christi”, a ingresso libero, sarà visitabile tutti i giorni. L’esposizione ha il sostegno della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo e del Comune di Montefiascone.

Articolo precedenteMatch it Now 2022, donatori in Piazza dei Caduti il 24 settembre a Viterbo
Articolo successivo“Giro di sguardi”, corso di formazione teatrale a Vitorchiano