Tarquinia Comune

 

TARQUINIA – Un importante momento di crescita sociale e culturale, ricordando la Shoah. È la Giornata della Memoria che Semi di Pace celebrerà il 27 gennaio nella sala consiliare del palazzo comunale (piazza Giacomo Matteotti n. 6) di Tarquinia, dalle ore 9.30.

Interverranno Elisa Guida, Università degli Studi della Tuscia, direttore della Mostra “La Shoah in Italia. Persecuzione e deportazioni 1938-1945” per il Labirinto della Memoria, con “Il ricordo non difende. Percorsi e contraddizioni nella memoria della Shoah”; Valerio Fiorentini, studente dell’IISS “Vincenzo Cardarelli” di Tarquinia, con “Il ricordo non difende. Percorsi e contraddizioni nella memoria della Shoah”; e Lello Dell’Ariccia, scampato alla Shoah e rappresentante del Progetto Memoria. A concludere la prima parte della cerimonia un momento artistico con gli allievi dell’Accademia Tarquinia Musica «Ringraziamo l’Amministrazione per averci aperto le porte della sala consiliare. – sottolinea la onlus – Sono trascorsi oltre 70 anni da una delle tragedie più grandi della storia contemporanea. Per questo motivo riteniamo che sia un dovere da parte nostra ricordare quanto accadde allora, continuando soprattutto a sensibilizzare le giovani generazioni, perché il tempo non cancelli il ricordo dell’immane violenza che colpì milioni di amici ebrei». La seconda parte della commemorazione, se le condizioni meteo lo permetteranno, proseguirà alla Cittadella (loc. Vigna del Piano snc).

Qui, di fronte al Labirinto della Memoria, l’installazione artistica realizzata alla Cittadella per ricordare la Shoah, che vede al centro di un labirinto di allori un vagone del 1935, simile a quelli utilizzati per la deportazione degli ebrei durante la seconda guerra mondiale, i rappresentanti delle principali confessioni religiose reciteranno una preghiera per porre l’accento sull’inscindibile legame tra il bene della pace e una vera apertura al dialogo. All’iniziativa parteciperanno le autorità cittadine, militari e religiose, le scuole del territorio, le delegazioni di numerose associazioni e istituzioni del mondo ebraico e dell’ambasciata d’Israele.