“A questa Viterbese serve solo una scintilla”

0

 

VITERBO – Concreto, sicuro di sé e pronto a lavorare con impegno ed entusiasmo. Lillo Puccica, neo allenatore della Viterbese, si è presentato così, confermando ai presenti di non essere affatto cambiato.

E questa, per il popolo gialloblù, rappresenta senza dubbio la prima bella notizia legata al ritorno del tecnico di Capranica sulla panchina del club della Palazzina.

Concluso il primo allenamento sul manto erboso del Rocchi, Puccica si è dunque presentato in sala stampa con atteggiamento positivo e propositivo, mostrando un non velato ottimismo per quella che sarà la sua avventura in questo finale di campionato alla guida della Viterbese.

“Tornare a Viterbo e tornare in Lega Pro – esordisce Puccica – è una grande gioia; la mia felicità contrasta però con l’attuale momento negativo della squadra. In merito alla rosa ritengo che ci sia un grande potenziale, minato però dalle assenze dovute ai notevoli infortuni, con cui hanno dovuto fare i conti anche i miei predecessori.

Si pensi solo che su Sforzini era stata fondata la squadra, e che la sua lunga assenza ha stravolto i piani della società. Stesso discorso per Jefferson, chiamato per sostituire Sforzini e finito poi anch’egli in infermeria. Il calcio è però anche questo. Bisogna pertanto andare avanti, cercando innanzitutto di ritrovare il bel gioco e l’entusiasmo”.

Puccica ha poi sottolineato la propria sorpresa in merito alla propria chiamata sulla panchina gialloblù: “Ringrazio ovviamente il patron Piero Camilli per l’opportunità che mi ha dato; un’opportunità che è giunta in maniera per me inaspettata; si pensi solo che l’unica volta che ho seguito la Viterbese quest’anno è stato in occasione della gara con il Tuttocuoio”.

E sui traguardi da centrare a breve termine, Puccica aggiunge: “L’obiettivo è quello di uscire da questo momento negativo e di concludere il campionato in zona play-off. Iniziamo dunque questo cammino pensando, però ad una gara alla volta, a partire dal match di sabato con la Lucchese, che potrebbe riaprire scenari importanti sia a livello di classifica sia a livello psicologico. Chiaramente mi preoccupano molto le assenze; tuttavia mi sono confrontato con Massimiliano Nardecchia, con cui abbiamo convenuto sul fatto che questa squadra sia in ogni reattiva e pronta a dire la sua.

Riguardo infine al modulo Puccica non ha dubbi: “Gli uomini per giocare con un 3-4-3 ci sono, pertanto non avrò problemi a mettere in pratica le mie idee e il mio credo calcistico, da cui mi auguro possano giungere soddisfazioni e gioie che questa società e i propri tifosi meritano di vivere”.

Massimiliano Chindemi

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.