Durante la giornata di sabato 25 gennaio presso il Palaindoor di Ancona si è svolto il Meeting Indoor organizzato dalla Fidal Marche. Come ogni anno l’impianto Indoor di Ancona richiama al suo interno numerosissimi atleti, provenienti da ogni parte dello stivale, per competere nelle distanze previste dalla stagione invernale dell’atletica leggera. Solo nel pomeriggio di sabato hanno preso parte alle competizioni oltre 900 atleti gara.
Soltanto nella gara dei 60 metri maschili c’erano 229 atleti.

L’ASD Atletica Vetralla presentava in questa affollata gara Alessio Pieragostini, atleta al secondo anno dei tre della categoria Promesse, sprinter in erba che si presentava con il 7″05 stabilito la scorsa stagione.
L’atleta parte nella seconda serie, che vince in 7″01 frenando, in quanto lo starter ai 50m, ovvero a gara quasi terminata, spara un secondo colpo segnalando una falsa partenza.
La squalifica dell’atleta in prima corsia è immediata e gli atleti, senza neppure avere il tempo di recuperare, vengono richiamati subito dietro ai blocchi, per disputare nuovamente la gara.
Alessio Pieragostini anche in questo caso corre molto bene ed è in testa fino ai 55metri, il taglio del traguardo è da misurare al fotofinish e uscirà da questa prova terzo con 7″03, migliorando il suo precedente record.
Sarà comunque classificato per la finale B.
In finale B il giovane velocista cala il Pocker: vince la sua finale, stabilisce il primato personale con 6″90, ottiene il minimo di partecipazione per i Campionati Nazionali Federali Promesse, e centra al centesimo il minimo di partecipazione per i Campionati Nazionali Federali Assoluti.
Pieragostini è l’unico atleta dell’intera provincia viterbese ad aver ottenuto il pass per i Campionati Italiani Assoluti Indoor del 21-22-23 Febbraio 2020.

In gara nei 60 c’era anche Giovanni Tomasicchio, già in possesso del minimo di partecipazione per i Campionati Italiani Assoluti competerà nella prima serie, quella con gli atleti con i primi 8 migliori tempi. La sua gara ha avuto l’effetto di una cannonata; improvvisa, inattesa, stordente è la sua prestazione. Secondo per un centesimo di secondo con 6″78, dopo una proverbiale corsa.
In finale torna a classificarsi secondo sempre per un centesimo, bissando il 6″78, ma a quel punto il palazzetto esplode in un applauso spontaneo ed una standing ovation. La tribuna di Ancona, attenta e competente si rende conto a cosa sta assistendo: Atleta dal grande talento, che ha saputo perseverare, e lavorare bene, e che a 38 anni continua ad intrattenersi tra le stelle dello sprint indoor nazionale assoluto, oltre ad essere divenuto il miglior atleta al mondo della stagione della sua categoria su tale distanza.

Le due prestazioni ottenute nello sprint dagli atleti vetrallesi alla prima uscita stagionale è la conferma che le prime sottili linee di una scuola dello Sprint a Vetralla, tanto ambita da Tomasicchio, iniziano a tracciarsi, nonostante i mezzi a disposizione sono ancora terribilmente pochi e inadatti al livello a cui si aspira.

In gara anche altri due giovanissimi dell’Atletica Vetralla: per la prima volta sulla distanza dei 400m Aquilani che viene dal mezzofondo e alla seconda gara in assoluto D’Alesio proveniente dallo sprint. Aquilani giunge quinto al fotofinish con il terzo ed il quarto tutti e tre in un fazzoletto da 57″22 a 57″23. D’Alesio arriva sesto nella sua serie a 4 decimi dal suo personale outdoor con 58″49.