La Stella Azzurra Viterbo esce sconfitta dal parquet del Basket Roma che con una prestazione perfetta, fatta di tanta solidità e soprattutto di percentuali al tiro da urlo (76% da due e 44% da tre), oltre ad un Maresca letteralmente da incorniciare, dimostra di meritare certamente il titolo di favorita alla promozione finale. L’Ortoetruria recupera tutti i propri infortunati, anche se alcuni di loro, Price su tutti, non sono al meglio della condizione fisica. L’inizio di gara è bello e ben giocato da entrambe le contendenti che regalano al numeroso pubblico presente sugli spalti del Pala Rinaldi una pallacanestro piacevole e soprattutto realizzazioni di pregevole fattura.

I biancostellati sembrano poter opporsi efficacemente ai capitolini, ma quando i padroni di casa aumentano il ritmo il divario comincia a delinearsi. Bagnoli è durissimo da arginare anche se Price gli si oppone spesso con efficacia, ma sale in cattedra Maresca a fare la differenza: 10 su 13 dal campo, 5 assists e tanta qualità che permettono ai suoi di staccarsi e di condurre in porto una partita sempre condotta con autorevolezza e giocata con un elevatissimo tasso agonistico.

Troppo Basket Roma, ma anche poca Stella Azzurra con una prestazione dei viterbesi in linea con le ultime due gare nelle quali i ragazzi di Fanciullo sembrano aver perduto quello smalto iniziale, ma soprattutto quella voglia e quella continuità che aveva permesso loro di cogliere nove successi consecutivi su altrettante partite disputate.

Un’Ortoetruria che, al di là della indubbia forza degli avversari, non è riuscita a ritrovare continuità e concentrazione in campo, privilegiando soluzioni complicate frutto di un’approccio mentale alla gara che non risulta positivo come quello visto tante altre volte in questa stagione. Una prestazione che non è per nulla piaciuta alla società e tanto meno al coach. “Basket Roma è una squadra super – dice Fanciullo – ma noi non abbiamo giocato bene. Non mi è affatto piaciuto come abbiamo interpretato l’impegno alla partita e soprattutto lo spirito con il quale alcuni di noi sono scesi in campo.

Quando si affrontano avversari di questo livello l’attenzione deve essere massima per tutti i 40 minuti e non sono ammissibili atteggiamenti superficiali che ho visto nelle ultime due gare. Sabato a Viterbo arriverà Frascati, altro team tra i migliori del campionato. Non sarà ammissibile un’altra prestazione nella quale non si dimostrino cattiveria agonistica, spirito di sacrificio e soprattutto tanta, tanta voglia”.

BASKET ROMA 90: Galli A., Martinelli 6, Maresca 22, Scuderi 20, Galli L. 7, Bagnoli 17, Gallerini 14, Gatti, D’Amata, Dinatale 4 Coach: L. Bongiorno, Ass.te: D. Canini
STELLA AZZURRA VITERBO 60: Price 6, De Gregorio 10, Berto, Rogani 2, Navarra, Baldelli 6, Meroi 5, Pebole 13, Rubinetti 12, Piazzolla, Casanova 6 Coach: U. Fanciullo, Ass.te: U. Cardoni
Parziali: 27-18/ 22-18/ 20-14/ 21-10 Rimbalzi: Bagnoli 10, Price e Gallerini 8