I piloti anconetani a loro agio con la PC015H sul circuito toscano, nonostante alcuni inconvenienti che non gli hanno consentito di esprimersi al meglio.

Buon weekend per Emanuele Pasquinelli e Mirco Fiordelmondo, al debutto nel Trofeo Predators, nel terzo round di campionato al Mugello: i due piloti marchigiani, portacolori della XC Motorsport, hanno dimostrato un ottimo potenziale al volante della Predators PC015H curata dallo staff tecnico della TC Racing.

Nelle due sessioni di prove libere, i due piloti hanno preso confidenza con la vettura ed il circuito, alla ricerca del giusto feeling: purtroppo in qualifica, non sono riusciti a sfruttare l’esperienza accumulata, a causa di un’uscita di pista dovuta all’olio presente sul tracciato per una rottura meccanica di un altro pilota. Tale circostanza, ha relegato i due piloti in ultima posizione.

In gara 1, Emanuele, si è reso protagonista di una buona partenza mostrando un buon ritmo: nonostante una gara caratterizzata dall’entrata in pista della safety car, il pilota di Senigallia è riuscito a recuperare diverse posizioni concludendo al 24° posto.

Nella secondo manche di gara, Mirco, dopo alcuni problemi alla partenza che non gli hanno permesso di esprimersi al meglio, è riuscito a trovare il ritmo e a recuperare le posizioni perse, concludendo al 25° posto.

Emanuele Pasquinelli: “Sono soddisfatto di come è andato questo primo weekend nel Trofeo Predators: nelle prove libere ho girato poco, ma nonostante questo ho sentito subito un buon feeling con la vettura. In gara sono partito con l’intenzione di recuperare più posizioni possibili e devo dire che ho trovato subito il ritmo giusto ed infatti, sono riuscito a risalire in classifica. Voglio ringraziare tutta la XC Motorsport, la TC Racing e Mirco per questo weekend davvero divertente, che speriamo di ripetere al più presto.

Mirko Fiordelmondo: “La mia prima gara assoluta al Mugello è stata un’emozione incredibile! Purtroppo, ho girato poco nelle libere, a causa della bandiera rossa e in qualifica al primo giro lanciato, a causa dell’olio in pista, mi sono insabbiato: purtroppo questo ci ha portato a partire dall’ultima posizione. In gara, causa una partenza un po’ irruenta, ho rovinato la catena che ha continuato a far vibrare il retrotreno per tutta la gara, ma dopo qualche giro di indecisione sono finalmente riuscito a prendere un po’ di ritmo e guadagnare qualche posizione. Mi sono divertito tantissimo e sono molto soddisfatti: ringrazio ancora tutto il team XC Motorsport, la TC Racing e il mio socio Emanuele.”

Articolo precedenteAsl di Viterbo: Torna la campagna di prevenzione e di promozione dei programmi di screening oncologico
Articolo successivoPaterna: “Il delfino spiaggiato e privo di vita alle Saline di Tarquinia non è morto a causa dell’uomo”