Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – Con una rete per tempo gli ospiti dell’Astrea di mister Sambucini mettono in ginocchio i locali del Montefiascone di mister Celestini; seconda sconfitta consecutiva per il Montefiascone. Una gara,quella giocatasi sul campo B delle Fontenelle, in terra battuta, dal fondo ghiacciato nella prima frazione di giuoco ed un aqcuitrinio nella seconda frazione, alla presenza di circa sessanta spettatori, in una mattinata dal cielo coperto con una temperatura mite.

 

Già dalle prime battute della gara si è notato subito che i locali non sarebbero riusciti a portarsi a casa i tre punti in palio in quanto, gli ospiti si dimostravano più concreti nel giuoco, più determinati sui contarsti, più intraprendenti in attacco. Alla luce di questi presupposti, gli ospiti, al trentesimo secondo, prima azione in avanti, effettuavano un pericolosissimo tiro a rete che Raffaelli, con un intervento da esperto portiere, riusciva a deviare sulla traversa; stessa azione la ripetevano dopo pochi secondi, al quarantacinquesimo, impegnando ancora Raffaelli con altro tiro insidioso.

 

Gli ospiti insistevano nel loro giuoco offensivo con lungjhi lanci scalcando così il centro campo locale e presentandosi con freguente estrema facilità nell’area dei locali che, di contro, si rivelavano, disorientati in difesa, lenti nelle ripartenze, lacunosi a centro campo, poco pungenti in attacco ove la mancanza del vivace e scattante Panichi si è fatta sentire; al terzo minuto, prima azione dei locali in avanti e sprecata banalmente. Al tredicesimo la svolta. Quaglia, su azione manovrata, a seguito di una delle tante palle perdute a centro campo dai locali, si presentava solo davanti a Raffaelli e, con un tiro preciso, lo batteva. Passati in vantaggio, gli ospiti seguitavano nella loro azione martellante, ma, fortunatamente per la formazione locale, non riuscivano a realizzare altre reti. Palladino madava tutti al riposo sul risultato di uno a zero per l’Astrea.

 

Al ritorno in campo, per la seconda frazione di giuoco, tutti si aspettavano una reazione da parte della squadra locale, ma l’andamento della gara non mutava, anzi, con lo sciogliersi del ghiaccio, il campo diveniva un aqcuitrinio ed il giuoco si faceva più difficile con il pallone che si arrestava nelle pozzanchere, mentre gli ospiti, resisi conto della difficoltà del terreno, insistevano con i loro aerei lanci lunghi a scavalcare il centro campo giungendo facilmente di fronte all’estremo difensore Raffaelli che aveva il suo buon da fare, mentre i locali insistevano nelle loro leziosità che morivano nell’acquitrinio poichè il pallone, a terra, non viaggiava come voluto. Stando così le cose, gli ospiti facevano un giuoco più concreto ed, al terzo minuto, raddoppiavano ancora con Quaglia che realizzava così una doppietta. Gli ospiti seguitavano nella loro tattica di giuoco mettendo sempre in difficoltà i locali che non riuscivano a capire che lo stato del campo non permetteva un giuoco di leziosità ma richiedeva di far viaggiare, il più possibile, la palla per via aerea. Ne seguiva, da una parte e dall’altra, una girandola di sostituzioni che però non mutava la strategia delle due formazioni; dopo tre minuti di recupero, il triplice fischio finale che sanciva il risultato sul due a zero per la formazione romana e la seconda sconfitta consecutiva per la formazione di Celestini. Si è rotto il giocattolo di Celestini?!, finisce il mito??! svanisce un sogno?! sicuramente è presto per dirlo ma le due sconfitte consecutive e la conseguente riduzione di distacco dalla seconda fa sorgere qualche perplessità. In due gare, dei dieci punti di distacco sulla seconda, la capolista Montefiascone ne ha perduti ben sei; un dato che, per lo meno, fa riflettere.

 

0 Montefiascone: Raffaelli, Vitali, Ricci; Fulvi, Zolla, Abate; Manganello, Gianlorenzo, Mastronicola, Scarzoso, Cannavacciolo. All. Celestini. A disp.: Ercolani, Tartaglia, Currà, D’Alessio, Muzzi, Chiarolanza, Medori.

 

2 Astrea: Divento; Galli, Ferretti; Sebastiani, Colletta, Moretti; Raschatore, Trinchi, Quaglia, Ciolli, Ricci. All. Sambucini. A disp.: De Gregori, Cantini, La Manna, Ronconi, Albanesi, Pellicciotta, Burroni.

 

Arbitro: Palladino di Viterbo

 

Reti: 13° pt e 3° st Quaglia(A)

 

Commenta con il tuo account Facebook