Cosa dire della gara che si è disputata sullo stadio delle Fontanelle dal fondo in ottime condizioni, in una mattinata di sole, con una temperatura mite, alla presenza di circa sessanta spettatori? Una gara rovinata da un pessimo arbitraggio al quale si è aggiunto un insuffficiente comportamento dei due assistenti di linea.

Andiamo alla gara. Le due formazioni sono scese in campo con la volontà di prendersi i tre punti in palio se pur con motivazioni diverse: i locali di mister Centaro per tirarsi fuoir dalla zona critica della classifica, gli ospiti di mister Fracassa per non perdere contatto con la prima della classifica. Ne è uscito fuori un primo tempo di buon spessore agonistico, con le due formazioni che si sono affrontate a viso aperto giocando un buon calcio, anche se il direttore di gara, pur nella tranquillità della medesima, ha messo subito in luce le sue lacune, per non dire incompetenza, dirigenziali. Al fischio finale, dopo il tempo regolamentare, tutti al riposo sul risultato di parità zero a zero.

Al ritorno in campo per la seconda frazione, le strategie di gioco non mutavano anche se i locali si facevano più intraprendenti in avanti alla ricerca della rete, scoprendosi però un pochino in difesa, così, al terzo di gioco, subivano la rete del vantaggio per opera di Paraschiv, che, su veloce azione, in avanti, scagliava un fendente ben preciso ed angolato sul quale nulla poteva Silvestri se non raccogliere la sfera in fondo alla propria rete, portando in vantaggio i suoi.

I locali non si abbattevano, anzi avevano una buona reazione spingendosi in avanti creando qualche serio problema all’estremo difensore Agostini, mentre il direttore di gara proseguiva nel mettere in rilievo le sue carenze, bloccando tutte le azioni pericolose, in avanti, al limite dell’area  prodotte dai locali, ricorrendo  molto a sproposito al fischietto prima e con estrema facilità ai cartellini gialli e rossi poi, sempre nei confronti della formazione locale, facendovi diverse vittime: prima l’attaccante Andreoli, poi l’allenatore Centaro ed infine il portiere Silvestri per proteste dopo che aveva subito un’azione molto fallosa a seguito della quale il Cervetri aveva raddoppiato con Pagliuca, entrato diversi minuti prima al posto di Teti, con il pubblico che, dagli spalti, faceva sentire le sue rimostranze.

Al triplice fischio finale che sanciva la fine della gara, i tre punti erano in tasca al Cervetri, mentre i locali, uscivano a testa alta dal campo consapevoli di aver fatto una buona partita, parimenti consapevoli del condizionamento della gara, recriminando sul direttore della medesima, avendo, questi, messo in campo, una direzione inaccettabile, non certo idonea al campionato di Promozione.

 

Montefiascone: Silvestri; Andriambelo, Petroselli; Buratti, Citilica, Balletti; Battisti, Pietranera, Brachino, Andreoli, Jadama. A disp.: Bellacanzone, Brachini Santos, Burla, Capoccia, Chiarolanza, Medori, Renzi, Rocchetti, Trofim. All. E. Centaro.
Cervetri: Agostini; Maroncelli, Altamura; Trebisondi, Castelletti, Roscioli; Paraschiv, Vignaroli, Teti, Barbucci, Belloni. A disp.: Rasicci, Paris, Palmieri, Barone, Gaudenzi, Giallanza, Palgiuca, Attaro. All. D. Fracassa.
Arbitro: Igliozzi Rm2; ass.ti Cagliola(Rm1), Poggetti(Rm1).
Marcatori: 3° st Paraschiv(C), 34 st Pagliuca(C).
Note: Espulsi: E.Centaro, Andreoli e Silvestri tutti del Montefiascone. Totalemente negativo, per non dire, Pessimo, l’operato di Igliozzi, insufficiente quello degli assistenti di linea.

 

Pietro Brigliozzi