calcio

Una gara quella dei Giovanissimi che si è giocata nel pomeriggio di ieri, con uno splendido sole, sullo stadio delle Fontanelle dal fondo in buone condizioni, con una temperatura mite, alla presenza di circa sessanta spettatori, tra i ragazzi locali di mister Crisostomi e quelli ospiti di mister Vittori, nella quale la formazione del Pescia ha dato una vera lezione di giuoco ad un Montefiascone che si dimostrato quasi irriconoscibile, specialmente in fase di conclusione a rete, anche se, al suo attivo può recriminare l’aver colpito una traversa, da facilissima posizione, ma, il vecchio adagio: la fortuna aiuta gli audaci è sempre veritiero, ed i ragazzi di Crisostomi di audacia l’hanno fatta vedere ben poca. Tanto gioco in  fase difensiva, molto in centro campo ma molto poco incisivo davanti all’estremo difensore Iacobola.

Andiamo per ordine. Fin dai primi minuti, la formazione locale ha cercato di prendere in mano il pallino del giuoco, pressando gli ospiti nella loro metà campo, riuscendoci almeno per i primi venti minuti, poi tutto in caduta libera. Un primo tempo con i locali in attacco senza impensierire più di tanto l’estremo difensore ospite, mentre gli stessi, passati i primi venti minuti di sofferenza, prendevano coraggio, spingendosi in avanti con veloci e pericolosi contropiedi, tuttavia, nessuna delle due formazioni, riusciva ad andare in rete, per cui, al trentaseiesimo, dopo uno di recupero, Biagi mandava tutti al riposo sul risultato di parità: zero a zero.

Al ritorno in campo, per la seconda frazione di giuoco, la gara sembrava prendere la stessa dinamica del primo tempo, con i locali in avanti e gli ospiti a rispondere con veloci contropiedi; su uno di questi, con una  dormita generale dell’intero reparto difensivo locale, all’undicesimo, Guidi portava in vantaggio i suoi. Qui è terminata la gara per i locali, i quali, anche se hanno cercato di reagire, non lo hanno mai fatto con quella convinzione e grinta necessarie per riportare la gara in parità.

Al trentesimo, altra emozione. Biagi ammoniva di nuovo l’attaccante ospite Guidi e lo espelleva per somma di ammonizioni; fatto inverosimile in quanto il Guidi non rientrava negli spogliatoi, rimaneva a bordo campo e, tra il trentaquattresimo ed il trentacinquesimo minuto, rientrava in campo senza che Biagi se ne accorgesse e prendesse i dovuti provvedimenti, per poi, dopo il fischio finale, rientrare negli spogliatoi con il resto della squadra. Alla fine della gara, dopo quattro di recupero, tutti sotto la doccia, con i tre punti in tasca al Pescia Romana di mister Vittori ed il Montefiascone di mister Crisostomi a leccarsi la ferita imprecando contro la mala sorte per la traversa colpita.

Pietro Brigliozzi

Montefiascone: Perelli; Pieretti, Governatori; Monanni, Paoletti, Eusepi; Musai, Draghi, Bianco, Lupi, Pescatori G.. A disp.: Lazar, Farina, Perscatori F., Stefanoni, Maurizi, Bnella, Scacchetti, Reggi, Locane. All. M. Crisostomi.
Pescia Romana: Iacobola; Angeli, Cioli; Sciaretta, Minciotti, D’Alessandro; Salvati, Tarquini, Guidozzi, Guidi, Paventi. A disp.: Costanzi, Falesiedi, Rosciani, Aiazi. All. C. Vittori.
Arbitro: A. Biagi di VT.
Marcatori: 11° s.t. Guidi(PR).
Note: Negativa la conduziona arbitrale che, dopo aver espulso Guidi, al trentesimo del seconto tempo, non si è accorto che il giocatore, non solo non è rientrato negli spogliatoi, ma, tra il trentaquattresimo ed il trentacinquesimo, è rientrato in campo.